lunedì, aprile 15, 2013

 

Patriarca Sako: dai martiri irakeni "esempio e testimonianza di fede cristiana"

di P. Albert Zarazeer, responsabile delle comunicazioni del Patriarcato Caldeo

I martiri nella tradizione cristiana d'Oriente hanno un ruolo di primo piano e "le loro reliquie" sono "tesori preziosi" che rafforzano la fede. Essi rappresentano anche una "eredità spirituale viva" che apre le porte "alla vita e al futuro".
È quanto ha sottolineato il Patriarca Caldeo
Mar Louis Raphael I Sako, durante l'omelia della messa celebrata ieri nella cattedrale siro-cattolica di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Baghdad.
Nello stesso giorno in cui papa Francesco ha lanciato un appello a favore dei martiri perseguitati nel mondo, ai quali augura di sentire "il conforto di Gesù Risorto", Il Patriarca ha voluto recarsi "di sua iniziativa" nel luogo simbolo della violenza estremista islamica in Iraq. Il 31 ottobre del 2010 l'edificio è stato attaccato da un commando legato ad al Qaeda, che ha compiuto una vera e propria carneficina: oltre 50 morti, fra i quali due giovani sacerdoti, e decine di feriti. Per i moltissimi fedeli presenti alla messa di ieri, presieduta da Sua Beatitudine assieme a un gruppo di sacerdoti è un gesto ecumenico carico di "speranza".
Il Patriarca ha iniziato l'omelia spiegando il senso del suo "pellegrinaggio" alla chiesa dei martiri: "Vengo come pellegrino alla vostra cattedrale - ha sottolineato Mar Louis Raphael I Sako - la cattedrale gloriosa dei martiri, all'inizio del mio servizio patriarcale a Baghdad". Di seguito ha voluto ringraziare "sua eccellenza Mar Yousif Abba", arcivescovo siro-cattolico della capitale irakena, che definisce "fratello ed amico di studi nel seminario di Mosul, per permettermi di fare questo cammino in tutte le sue dimensioni spirituali". "Conosco alcuni martiri della strage - ha aggiunto Mar Sako - soprattutto i due giovani sacerdoti, Tahir e Waseem, che hanno dato un ottimo esempio di servizio e sacrificio" per la Chiesa.
Sua Beatitudine ha quindi evidenziato dopo il ruolo dei martiri nella tradizione orientale: "Nella tradizione delle chiese orientali - ha detto - i martiri hanno un ruolo illustre, nelle preghiere e nei santuari del nostro paese". "Cantiamo, nella lode e nei vespri di ogni giorno, per il loro coraggio, visitiamo le loro reliquie per ricevere la benedizione, perché esse sono 'tesori preziosi', come canta il rito caldeo. I martiri rappresentano un'eredità spirituale viva che ci apre nuove porte alla vita e al futuro".
Nell'omelia del Patriarca vi è poi il richiamo a Tertulliano, teologo del terzo secolo d.C., che parlando dei martiri sottolinea che "il loro sangue è seme di una vita nuova". "Nonostante la violenza che non è fonte di gloria agli occhi di Dio e non rende onore all'uomo - afferma sua Beatitudine - questi martiri rimangono al vertice dei valori religiosi, come emblemi di pace, amore, servizio e sacrificio. Sono per noi segno di speranza della vita eterna. Con loro entriamo nel Mistero Pasquale, cioè quello della risurrezione di Cristo. Come non separiamo la morte di Cristo dalla sua risurrezione, così non separiamo la morte dalla risurrezione del martire".
Mar Louis Raphael I Sako ha concluso la sua omelia incoraggiando i fedeli a seguire i passi dei martiri nel cammino pasquale: "Questo non deve avvenire a livello personale, ma come comunità e Chiesa che cammina in un percorso pasquale. Il nostro popolo deve vincere la paura e riprendere la forza per camminare verso la pace e la prosperità. La nostra Chiesa, quella irachena in modo particolare, è marchiata con il segno pasquale. Non è degno che si chiuda a se stessa, nelle sue difficoltà, ma deve capire - ha concluso il Patriarca - che è invitata dalla sua coscienza a cambiare la realtà e le sofferenze alla luce della Pasqua, della vita e del rinnovamento, con un impegno totale".

This page is powered by Blogger. Isn't yours?