giovedì, gennaio 22, 2015

 

Citing turning tide for country's Christians, papal envoy says 'Pope Francis is expected in Iraq'

By Aid to the Church in Need

"If they do return it won't be easy; besides the reconstruction of destroyed houses and infrastructure, such as schools, it will be necessary first and foremost to restore the trust in Muslim neighbors which has also been shattered.Many Christians feel their neighbors betrayed them, because they looted their [abandoned] houses."
The Vatican’s top diplomat in Iraq, Archbishop Giorgio Lingua, is cautiously optimistic that the Christians driven out of northern Iraq by the Islamic State might be able to return to their homes sometime this year.
He told international Catholic charity Aid to the Church in Need, however, that the process will be most challenging—aside from the formidable military effort that will be required, and which most observers consider to be unlikely to happen anytime soon.
 “If they do return it won't be easy," the nuncio explained; "besides the reconstruction of destroyed houses and infrastructure, such as schools, it will be necessary first and foremost to restore the trust in Muslim neighbours which has also been shattered.
“Many Christians feel their neighbors betrayed them, because they looted their [abandoned] houses. So it will not only be necessary to repair homes, but also relationships."
Archbishop Lingua gave a positive assessment of the work done by the Iraqi central government: “Something has been put in motion; the new government is working well. A fundamental factor is the greater involvement of all groups.
"The country will never be free of  of terrorism as long as some ethnic and religious components are barred from the governing process. If a group is excluded it must not be assumed that they will not rebel.”
The alienation of the Arab Sunni population from the Shiite-dominated central government is seen as one of the main reasons for the rise of Islamic State.
What is crucial for the future of Christianity in Iraq, Lingua stressed, is how the crisis in Mosul and the Nineveh Plain will be handled. That is the territory where the majority of Christians have lived for many centuries and which is currently occupied by Islamic State.
"If the government manages to regain control there and implements a campaign of national reconciliation, then there will be a place for Christians in Iraq," the archbishop said.
“If clashes persist, however,” he added, “the weakest will pay the price, and these are always the minorities. We therefore have to hope that peace will return. This is where the international community comes in."
Archbishop Lingua stressed that the basic humanitarian difficulties experienced by the refugees, such as the inadequate medical care, are currently aggravated further by the cold winter. "At the present time the people mainly need heaters. There are reports that some of the children have perished in the cold."
On top of this there are growing psychological strains. "The people don't know how long they still have to hold out as refugees," Lingua said. "This hopeless situation is causing some people to consider emigration while they don't actually want to leave."
About 7000 Christians have already fled to Jordan, where many are awaiting to leave for Western countries. The nuncio reported that about ten percent of the 120,000 Christians who fled their homes in August have left Iraq.
The Nuncio also stressed that Pope Francis was deeply concerned by Iraq and the situation of the Christians there. Asked about the possibility of a papal visit to Iraq, he said: "The Holy Father is expected in Iraq both by the Church and the political powers, and even by non-Christians such as the Shiite leadership. I am impressed how great the consensus is concerning the figure of the Pope."
As regards security concerns surrounding a visit by the Pope to Iraq, Lingua said: "I'm no expert in such matters. But everybody says that they would do everything to make the visit a success."
Archbishop Lingua said that a possible visit would have to last longer than one day: "You can't come to Iraq and not go to Ur, which Sunnis, Shiites and Christians all revere as the birthplace of Abraham. You can't not go to Baghdad, because that's the seat of government. And you can't not go to Erbil, where the majority of Christian refugees live.”
“I would therefore prefer a visit to be fixed for a later date and for it to be more extensive, rather than for it to be organized quickly, with the risk of missing out on some opportunities."

Leggi tutto!

mercoledì, gennaio 21, 2015

 

Iraq: da Italia a Unicef e Unhcr aiuti per sfollati Kurdistan

By ONU Italia

Garantire una sistemazione al riparo dalle intemperie agli civili sfollati nel Kurdistan e assicurare protezione e sostegno alle ragazze cristiane e yazide vittime di violenza. Questo l’obiettivo dei nuovi contributi di emergenza approvati dalla Cooperazione italiana allo sviluppo e destinati all’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) e al Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef).
Il finanziamento, per un totale di un milione di euro, sosterrà iniziative in linea con le indicazioni raccolte in occasione della visita in Iraq del ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, lo scorso dicembre. Gli interventi di assistenza umanitaria intendono fornire riparo dalle cattive condizione climatiche agli sfollati nella regione autonoma del Kurdistan e ad assicurare protezione e sostegno alle ragazze cristiane e yazide vittime di violenza da parte dello Stato islamico/Daesh.
Il contributo di 500 mila euro destinato a Unhcr servirà alla costruzione di un nuovo campo di accoglienza per circa 6.240 sfollati interni nel Governatorato di Sulaymaniyah, area sinora poco coperta dagli interventi della comunità internazionale. Grazie alla donazione italiana sarà possibile installare nel campo postazioni familiari dotate di tenda e cucina. Per affrontare le rigide temperature invernali, l’Unhcr distribuirà anche kit di assistenza contenenti coperte termiche, teli in plastica, taniche per l’acqua, cherosene e una stufa da campo.
Il contributo di 500 mila euro all’Unicef sarà impiegato in particolare per fornire assistenza umanitaria e supporto psicologico alle donne vittime di violenza – in gran parte minori – appartenenti alle minoranze religiose più gravemente colpite dall’avanzata dello Stato islamico/Daesh, come ad esempio quella yazida. Anche grazie all’impegno dell’Italia, Unicef prevede l’erogazione di servizi per la salute riproduttiva, supporto psicologico e cure mediche di emergenza per le donne che sono state liberate o sono riuscite a fuggire dopo essere state soggette a rapimenti e violenze, al fine di consentirne la reintegrazione nelle comunità di appartenenza.

Leggi tutto!
 

Uprooted Qaraqosh: ‘The Biggest Island of Christianity in the Islamic Ocean’

By National Catholic Register
Doreen Abi Raad


Syriac-Catholic Bishop Barnaba Yousif Habash
reflects on the plight of the Christians from his native city, who were displaced by last year’s Islamic State takeover of their homelands.


On Aug. 6, 2014, after evening Mass on the feast of the Transfiguration, the Christian residents of Qaraqosh, Iraq, were threatened by the Islamic State to convert to Islam, pay a tax or be killed. That prompted the exodus of the city’s 50,000 Christians, who fled to Irbil, the capital of Iraqi Kurdistan, with nothing but the clothes on their backs.

Qaraqosh, a bed of Christianity since the first century, was totally Syriac Catholic. Syriac-Catholic Bishop Barnaba Yousif Habash of the Syrian Catholic Eparchy of Our Lady of Deliverance, based in Bayonne, N.J., is a native of Qaroqosh. He describes his birthplace as “the biggest island of Christianity in the Islamic ocean.”
One of the Syriac-Catholic patriarchs, the bishop says, referred to Qaraqosh as “the right eye of the Church.” In Aramaic, the language of Jesus, the expression “right eye” means “you are very precious to me.”
Bishop Habash is responsible for the spiritual needs of Syriac Catholics in the United States and Canada, covering 18 parishes and totaling approximately 40,000 people.
Bishop Habash traveled to Irbil to spend the holidays with the more than 100,000 displaced Christians who were uprooted from Mosul and Iraq’s Nineveh Plain, as well as from Qaraqosh, by the advance of the Islamic State. The exiled Christians are still camping out in tents and uncompleted buildings in harsh winter conditions. Among them are priests, nuns and two bishops.
Bishop Habash’s ancestors from Qaraqosh include 16 priests, among them a martyred bishop. At 64 years old, he is the oldest of five priests currently in his extended family, one of whom he recently ordained. In addition, there is a Habash who is a candidate for the priesthood.
Bishop Habash spoke in early January with Register correspondent Doreen Abi Raad at the Syriac-Catholic patriarchate in Beirut, Lebanon, where he stopped after his visit to Irbil before traveling to Rome and back to his eparchy in New Jersey.
There have been media reports from Irbil; and, most recently, before Christmas, a delegation of Catholic bishops from Australia went to visit the displaced in Irbil. But how was it for you, going back to your homeland and seeing your people in such conditions?
You can’t even imagine. Even a picture cannot express and show the misery. If you don’t know a person, you cannot really comprehend the suffering. But when you do know them, then you understand how the misery, the suffering is so deep.
As a bishop of the United States and Canada, I came to show solidarity. I came to let them know: You are not forgotten.
I have been born in their midst. I have been raised with them, so I cannot forget them. And my country, my Iraq, my history, my education, my civilization means a lot to me, not because it’s mine, but because I know it’s a very precious and a rich element of the history of the world.
I was not only shocked, I was not only facing a horrible scandal; I became paralyzed. My spirit, my mind could not work with what I saw there: tens of thousands of people not just suffering, but dying, in the most offensive way.
We have tens of thousands of kids under tents who are not attending school or university. There are about 1,000 university students who could have in one year become doctors, engineers and lawyers. They have been stopped. Why? Why close the paths of the future for Iraqi people just because they are Christian? What a shame.
Why? The jealousy of the devil is what happened. This storm, what happened to them, you can easily call it the jealousy of the devil.
They are Christians; they are authentic people. They are hard workers for peace. They love the others. They love their country. And all of a sudden, they have been told it’s not allowed for you to continue with Christianity without paying a tax, although we are in our land 600 years before Islam, although we were the teacher of the prophet of Islam. We were the teachers of the language of Islam; we were the teacher of the law of Islam; we were the engineers of the buildings and cities of Islam, since the beginning, until recent days. We are their doctors, as we were before; we are their professors. We taught them everything, until the last hours of our existence. Their sick were brought to our hospitals, treated by our doctors.
Qaraqosh has 50,000 people, and, until now, there is not one hotel in the city. Isn’t that amazing? When people visit the hospitals, the schools, for shopping, they stay in our houses as part of the family. We do it with pleasure, for them (Muslims). It is part of our Christian education and morality to accept the others and to give witness to our faith.
But you know what, on the other hand, I found myself strengthened by their faith. I visited more than 500 families in tents and uncompleted buildings. They said to me, “You are most welcome, Bishop.” And they have absolutely nothing. “Oh, you know what, Bishop, yes, we lost everything, but we still have our faith in the Lord Jesus.” Honest to God, almost every family said this: “We give thanks to the Lord. We are still Christian.” And our people were very convinced that, although they had been through a very evil storm, the arm of God saved them. They understood this very well.
Imagine: 24 hours for 50,000 people to escape Qaraqosh, and no one had been lost or injured. That’s why we believe in God, in that we were protected by the power of God. It’s the third exodus.
The people you met, what did they ask of you?
“Bishop, what do you think? You are close to the sources of authority (in the West). Please tell us: What do they say? Are we going back to our home? Please help us, Bishop. Help us.
What can I do?
My childhood home, I cannot go there. I wanted to go to the cemetery to visit my dad, to visit my mom. I could not do it.
Most of the people in Irbil were hoping that, after or during the Christmas season, the Christian cities would be liberated, but they are shocked that still nothing has happened until now. The local powers in Iraq are gambling on us. One of the cards in the gambling is the “Christian card” — the existence of the “problem” of Christianity. So I guess we will have more waves of immigrants.
Is the Western world really understanding the gravity of the situation?
Without the role of the Church, the West could not feel that something happened, with what the Holy Father, the Vatican tried to do, and we should also say a big thank-you for the conference of Catholic bishops in Canada, America, in France, Italy and Germany.
But in general, no, they (the West) don’t know what’s going on. That’s a shame. Because the political West is really very selfish and uncaring. They don’t care, because it doesn’t affect the economy of their countries.
I came from Irbil, I saw the miserable people, the catastrophe, and I have to speak with diplomatic words and to hide the crime, the crime of the world. Because what happened is truly genocide: uprooting innocent people of the wonderful and peaceful civilization of Christianity in this part of the world. But, unfortunately, when you speak about human rights in Europe or America, it is only for your people inside your country. But concerning the outside, the other human beings: “No, we don’t care; it’s their problem.”
I say that about the (Western) politicians, not ordinary people. Americans are the most generous people, the most fine, with their love and with their respect. But the foreign politics is from hell. Nobody cares about us.
We are not terrorists. We are not violent. How come no one cares what happened to us?
When we speak out, we get the routine answer from the Islamic religious or the Muslim authorities: “They are non-Muslim, the Islamic State.” How can it be, they are non-Muslim? All of them are Muslim. Or: “They work outside of the Islamic world.” So who is the financial source of ISIS? It’s very clear; it’s Saudi Arabia. Unfortunately, no one has the guts to say that. Who is fighting Syria? Who is supporting and financing the war against Syria? It’s very clear: Saudi Arabia.
If the West believes in connecting civilizations, there is no bridge but Eastern Christianity to be the bridge between the civilizations. But unfortunately, unfortunately, what’s happening is destroying everything, because the storm is the devil’s storm.
What is the outlook you see for the Christians?
The last hour of my stay there (in Irbil), I spent with the Dominican nuns. (The 40 nuns of the Dominican Sisters of St. Catherine of Siena also had to flee their convent in Qaraqosh on Aug. 6 and are still among the exiled in Irbil, serving the displaced.) The mother general, Sister Maria Hanna, named (by Our Sunday Visitor) as one of the eight Catholics of 2014: I met her with the nuns.
I told the sisters my strong belief: that we should not count on the political leaders; they will do nothing for us. Because they look only for their own interests.
We should look for the one who helps us. This is the witness, the truth of history. We should look to the holy Eucharist. Nothing is stronger than prayer. All the weapons are killers. The only weapon that we believe is the life-giving and peace builder: Not one weapon is stronger than prayer.
Without prayer, there is no reconciliation between the Kurds and Arabs, between the Shiites and the Sunnis. So if they don’t have peace between themselves, how can we expect to have peace for them or through them? The only thing that we can and must count on is prayer.
Please go and pray: in front of the holy Eucharist; in front of the tabernacle with the silence of Jesus, we could hear the voice, “My peace is given to you.” This is my essential and strong belief that the map of work is prayer.
I tell them: Go pray with people, for the people. Jesus is strong enough to resolve our problems. Even if problems take a long time, we should not be afraid. Pray: The one who prays doesn’t fall down.
For me, Iraq is not just a country; it’s not geography; it’s not just history, but it is the history of my love with God. It’s a spiritual geography. I can see the Christianity of Iraq as one of the French historians said, the most holy piece of land on earth after Golgotha. Because this land has been watered with the blood of the thousands and thousands of martyrs and very strong lovers of Jesus Christ. That’s why I say it’s the jealousy of the devil, what happened.
But no matter what, we are strong, because we know in whom we have put our trust and in whom we believe.
Please pray for our people. They do need prayer. And these prayers will save us, surely, surely. All the iron gates made by politics, by religion, will be broken; all the Christians will be liberated like Peter, when he was in prison and the angel brought him (to safety).
I told them: If a Christian hurt a camel in Saudi Arabia, it would be a big problem. A small wall in Israel destroyed by the Arabs is a horrible thing, but if Christianity is uprooted, nobody cares. What is the media today? What is the politics? False witness. Why? Why doesn’t Israel say anything? Why doesn’t Saudi Arabia say anything? Why doesn’t Iran say anything? Why doesn’t America say anything?
It’s a storm of the force of the evil. But as Jesus was condemned and sent to die, we are an extension of Jesus. I’m sure God will show his arm one day.
I told them in my homily, “I came here to help you, but I became stronger because of you. I smell God here.”

Leggi tutto!

lunedì, gennaio 19, 2015

 

Kurdistan, continua l’aiuto ai profughi

Luca Geronico

La morsa del gelo è arrivata puntuale a Erbil e in tutto il Kurdistan e ora sembra paralizzare anche la speranza. L’8 gennaio una vera tempesta ha imbiancato tutto fino alle montagne di Dohuk, lasciando fuori dal capoluogo iracheno neve e ghiaccio. L’ultimo rapporto dell’Ocha, l’ufficio per le emergenze umanitarie dell’Onu, mentre elenca gli esiti di un piano per l’inverno – la “winterizzazione” discussa in interminabili riunioni di coordinamento – dimostra pure la mancanza di risorse e tempo per garantire il minimo necessario per gli oltre 2 milioni di profughi in Iraq, più della metà nel Kurdistan iracheno. Da ottobre sono state distribuiti in tutto l’Iraq 200mila set di abiti invernali in più di 100 località impervie e nelle ultime settimane nel governatorato di Erbil 1.200 giacconi per bambini.
«Questi sono risultati importanti, ma del tutto insufficienti rispetto all’enorme numero di bambini e di famiglie le cui vite sono devastate ogni giorno dal protrarsi di questo terribile conflitto», ammette Maria Calivis, direttore Unicef per il Medio Oriente. Una affermazione che non solo per la sua organizzazione.
A tutte le famiglie rifugiate nel governatorato di Dohuk è stato versato un sussidio di 250 dollari per rispondere alle prime urgenze, mentre il kerosene e le stufe restano al momento la necessità più grande. Proprio oggi alla sede dell’Onu di Erbil è convocata una riunione per reimpostare l’organizzazione dei campi profughi. Un intervento non solo di supporto, ma pienamente strutturale per far passare l’inverno ad Ankawa Mall e negli altri nove campi raccolta dove opera direttamente Focsiv: «Le prime vittime sono gli anziani con disturbi dovuti all’età e alle difficoltà di vivere da oltre sei mesi in condizioni precarie, e i minori, soprattutto quelli nati sotto le stende o negli stalli dei campi di raccolta», afferma Terry Dutto direttore del progetto «Emergenza Kurdistan» della Federazione organismi cristiani di servizio internazionale volontario.
La sottoscrizione promossa da Focsiv e Avvenire ha raggiunto in settimana i 217mila euro, avvicinando di molto il nuovo obiettivo di 260mila euro. Una commovente generosità popolare, che sosterrà un lavoro umanitario ogni giorno più  pressante. E iniziare a ricostruire un futuro. Con il 32% di sfollati ancora in abitazioni o ripari inadeguate e un piano di winterizzazione pieno di falle, non c’è da sorprendersi che più del 30 per cento della popolazione sia affetta da infezioni respiratorie.
«L’ambulatorio presso Ankawa Mall opera con medici volontari locali fornendo oltre 70 visite al giorno e si dichiara in grave carenza  di medicine. Proveremo a soddisfare almeno qualche richiesta». I farmaci si aggiungono ora alla distribuzione già in atto di kit igienico-sanitari per donne e bambini e al latte in polvere. Contro il freddo, oltre alla coperte e ai giacconi, il team Focsiv probabilmente dovrà anche pensare a stufe e a carburante. Ma questa è solo l’emergenza del presente, anche se l’annuncio del Pam di dover ridurre il sussidio alimentare di base a soli 25 dollari al mese per sfollato e di poterlo sostenere solo fino a febbraio, è come un incubo. Mentre si lotta per superare l’inverno e assicurare almeno il cibo fino a primavera, si devono dare risposte concrete «al senso di smarrimento delle persone che si chiedono cosa avverrà di loro». Per questo, continua Terry Dutto, si deve «impostare e favorire l’aggregazione dei giovani per momenti di recupero scolastico e tentare di essere propositivi nel processo di integrazione degli sfollati che sono in grado di lavorare».
Necessaria la collaborazione tra le diverse componenti della società locale anche per «trovare motivi comuni di convivenza con le comunità degli sfollati presenti in città». Un processo più che mai necessario nel medio-lungo periodo visto che sono imprevedibili i tempi della permanenza degli sfollati: «Una situazione che non può essere trattata con gli strumenti di una emergenza tradizionale con tempi più o meno definibili». Impossibile prevedere il rientro a casa, ma la permanenza in Kurdistan, che si può supporre di anni, deve essere sostenibile sia per chi è fuggito sia per chi accoglie. «Rispetto ad altre emergenza, vi è pure la una molteplice appartenenza sociale, linguistica e religiosa delle persone, che non si riscontra altrove». Il futuro del Kurdistan non può attendere.

Leggi tutto!
 

Patriarca caldeo: Musulmani e cristiani uniti devono guidare la lotta al fondamentalismo


"I nostri fratelli musulmani devono assumere, per primi, l'iniziativa e promuovere una campagna che respinga ogni forma di discriminazione di natura confessionale".
È quanto ha sottolineato il patriarca caldeo Mar Louis Raphael I Sako, intervenendo ad un convegno organizzato nel fine settimana a Baghdad dall'Iraqi Center for Diversity Management (Icdm). Il patriarca si rivolge agli oltre 1,6 miliardi di fedeli musulmani, in maggioranza moderati, sparsi nel mondo, invitandoli a promuovere un progetto congiunto volto a "smantellare l'ideologia fondamentalista" in ogni sua forma. Una proposta che, per avere successo, deve essere sostenuta e guidata proprio dagli stessi fedeli dell'islam.
Nel suo intervento, mar Sako parla del dramma dei cristiani di Mosul e della piana di Ninive, dove circa 500mila persone  sono fuggite fra giugno e agosto dello scorso anno, in seguito all'avanzata dello Stato islamico, che ha fondato un Califfato e imposto la sharia. I cristiani che, assieme ad altre minoranze religiose, "un tempo erano maggioranza" hanno "legami profondi" col territorio; essi hanno contribuito - aggiunge mar Sako - alla costruzione dell'Iraq e allo sviluppo della stessa cultura islamica.
Queste comunità "oggi sono emarginate" e "sono state trattate in modo duro e brutale", tanto che oggi a Mosul e nella piana di Ninive "non vi è nemmeno un cristiano". Per il patriarca di Baghdad la minaccia più grande "non è solo il terrorismo dello Stato islamico" o di altre "organizzazioni terroriste", ma è l'ideologia "takfiri" che considera "miscredenti" gli stessi musulmani che non appoggiano il modo di pensare e agire, basato sulla violenza e la sopraffazione. Egli punta il dito contro "forze" che commettono violenze e sono incentrate su logiche di potere "coperte dal manto della religione".
Per superare uno dei periodi più difficili della storia dell'Iraq, della regione mediorientale e delle stesse minoranze cristiane, mar Sako propone un progetto comune incentrato su tre punti principali: costruire un'opinione pubblica islamica "aperta e illuminata", mediante "la revisione dei testi" religiosi e storici; a questo si aggiunge un'interpretazioni dei testi "appropriata", che metta al bando la logica della violenza; infine, la promozione di una "cultura dell'accettazione e della conoscenza reciproca", come "fratelli e cittadini" di una stessa nazione. In quest'ottica sarà essenziale il ruolo "delle autorità religiose e politiche" musulmane, per "vincere ogni forma di violenza".
Ringraziando i responsabili dell'Icdm a Baghdad per l'impegno nella promozione della "cultura della co-esistenza pacifica" e del "rispetto per diversità e pluralismo", mar Sako conclude ricordando che "non c'è altro futuro" che non sia quello di "pace, armonia e cooperazione". Un obiettivo comune a musulmani, cristiani, fedeli di altre religioni, e che deve essere sostenuto anche "dai media" che devono fornire informazioni e contenuti "rispettosi delle religioni" e della sensibilità dei credenti.

Leggi tutto!

venerdì, gennaio 16, 2015

 

In Kurdish Iraq, fading fear and new beginnings for exiled sisters and priests


By Aid to the Church in Need (USA)
Oliver Maksan

In 2014, more than 120,000 Christians, among them dozens of priests and religious, had to flee from ISIS in Iraq. Many have found refuge in the autonomous Kurdish regions of Iraq after having lost everything – just like Sister Sanaa Hana. The nun is mother superior of a community of Sacred Heart Sisters.
“ISIS blew up our convent in Mosul on Nov. 24. They first tried to blow up the four crosses on the roof. Then they destroyed the entire building. We don’t know why exactly,” she reported. “This made us very sad. It was a critical moment for our community. After all, it had been our spiritual home for many years. I joined our community there in 1985. We had an active pastoral care program in Mosul. Among other things, we maintained a home for old people there.”
However, the sisters’ suffering began months before the explosion that destroyed the convent. At the time, Sister Sanaa was not in the city. Returning from a journey, she wanted to get back to her fellow sisters at all costs. However, all access routes had been blocked since early June. “Days before the city completely fell into the hands of ISIS, fierce battles raged between the army and the jihadists. Our convent lay right in between. There was constant heavy fire. The sisters were very scared and thus left the convent and went to another house in Mosul. They were able to flee just before ISIS took over the city. It was truly at the very last minute,” she reported.
“Our sisters were just able to consume the Blessed Sacrament before they fled. They did not want it to fall into the hands of the jihadists. However, they unfortunately had to leave the tabernacle itself behind. There wasn’t enough room in the car.”
The community of nuns then fled to Tilkef, a partially Christian city near Mosul. The sisters ran a printing company for liturgical books there. However, they soon had to flee once more. ISIS had also conquered Tilkef.
Sister Sanaa nevertheless plucked up the courage three more times after the fall of Mosul to return to the city now in the hands of the terrorist militia. “After all, we had been forced to leave our entire archive behind. As mother superior of the convent, I considered it my duty to save it. After all, it contains important documents representing a century of our community’s memory.”
Volunteers joined her on this extremely dangerous journey. “I did not want to make anyone go with me. It was very dangerous, after all. Other nuns have been kidnapped by ISIS.” She managed to pass through checkpoints guarded by bearded ISIS fighters, who were flanked by the black flag of the caliphate, three times. The archive was saved.
Today, the sister lives in Ankawa, a Christian suburb of the Kurdish regional capital of Erbil. Along with 20 other sisters, she has made a fresh start, thanks to support from Catholic agencies from abroad, including Aid to the Church in Need (ACN). In addition, a temporary school is being set up for the children of Christian refugees. The sisters will teach there, thus earning a salary from the state. This will help them secure their future. A machine for the production of altar breads contributes further to their livelihood. The sisters also sew cassocks and liturgical vestments. These supply members of the clergy who, just like them, had to leave everything behind as they fled from ISIS.
One of them is Father Janan. The Syrian-Catholic monk currently lives with his fellow brothers in a settlement near Erbil. The church has rented numerous flats there with the help of relief funding. “We fled from Bakhdida on Aug. 6. We even left our identity cards behind because everything had to go so quickly. We thought that the Kurdish fighters would protect us. However, when they suddenly pulled out, we dropped everything and fled.”
Liturgical instruments, books and robes: they were not able to take anything with them. “Our fellow monks have given us liturgical vestments and books so that we can celebrate the liturgy. We are trying to continue our monastic life here as best as we can,” he said, showing a visitor the temporary chapel that they have set up on the ground floor of the terraced house. “The Liturgy of the Hours morning, noon and night provides structure to our day. And of course we celebrate Holy Mass.”
Mass is held in a tent that serves as a church for the refugees. Plastic chairs are set up under a white canvas. Dozens of women have gathered to pray the rosary. The only adornments are an icon of the Redeemer and the Mother of God. “We celebrate Holy Mass here. We have also baptised children here already. It is important that this refugee settlement has a spiritual heart. We may have lost our homes, but God is with us everywhere.”

Leggi tutto!
 

In Libano una parrocchia francescana sostiene i cristiani d’Iraq

By Terra Santa blog
Emilie Rey

La Custodia di Terra Santa, presente e attiva in varie città e paesi del Libano, ha ricevuto la richiesta di aiuto da alcune famiglie cristiane di Qaraqosh rifugiate nel Paese dei Cedri.
Ci rechiamo nella Parrocchia francescana di Deir Mimas, all’estremo Sud del Libano, dove padre Toufic ha deciso di prestare aiuto a queste famiglie.
In questo mesi invernali, i chilometri scorrono veloci sul tachimetro dell’auto di padre Toufic. È il primo giorno della settimana e, come di consueto, deve celebrare due messe: la prima alle 8,30 nella città costiera di Tiro, la seconda alle 11,00 sulle montagne lontane di Deir Mimas, dove la Custodia di Terra Santa, da oltre sessant’anni, gestisce una chiesa e un convento. Non c’è tempo da perdere, i fedeli non si fanno aspettare, soprattutto gli ultimi arrivati in Parrocchia, giusto le famiglie cristiane venute da Qaraqosh in Iraq.
Dopo aver lasciato parenti, lavoro e i propri beni, da alcune settimane i profughi hanno trovato rifugio in questo nido appollaiato sui monti di Deir Mimas, a 90 KM da Beirut. Padre Toufic, che si cura della Parrocchia latina, insieme agli abitanti di questo paesino cristiano di 400 anime, ha accolto i profughi materialmente e moralmente. «Come fare diversamente? -domanda una delle parrocchiane all’uscita della messa- Ogni giorno si sente parlare della situazione del popolo iracheno, in particolare dei cristiani che hanno dovuto fuggire, sotto la minaccia dello Stato islamico. Allora, quando ci è stato detto: “Domani alcune famiglie cristiane di Qaraqosh si rifugeranno qui”, ci siamo organizzati». La semplicità e la simpatia spontanea degli abitanti di Deir Mimas ci stupiscono, soprattutto pensando alla pressione demografica ed economica che pesa sul Libano nel dover sostenere 1,6 milioni di esuli Siriani, 300.000 Palestinesi e 9.000 Iracheni già rifugiati nel Paese.
Come accogliere le famiglie prive di tutto, dove alloggiarle, in che scuole inserire dove i bambini? Gli abitanti di Deir Mimas non vivono di rendita; la maggior parte di loro sono da produttori di olive o impiegati della UNIFIL – la Forza d’Interposizione delle Nazioni Unite in Libano. L’economia del Sud del Libano è stata inoltre indebolita dalle guerre con Israele; l’ultima risale al 2006.
È stata fondamentale l’inventiva di padre Toufic, francescano libanese e Guardiano del Convento di Beirut, che ci spiega: «Per una parte degli abitanti, Deir Mimas è soltanto una residenza estiva; durante l’anno alcuni preferiscono il clima più mite di Beirut. Abbiamo chiesto la disponibilità ad affittare a modico prezzo le loro case per accogliere queste famiglie». Così si attua un aiuto reciproco e ‘ecumenico’: la Custodia di Terra Santa sostiene gli affitti di sette appartamenti messi a disposizione, la Parrocchia greco-ortodossa fa il pieno di nafta per l’inverno, gli abitanti donano vestiti e alimenti.
Lena Ghazzi, unica donna eletta al Consiglio Municipale della città, si dà da fare: distribuzione le razioni alimentari, collaborando con le ONG che possono farsi carico delle spese sanitarie, dei trasporti, degli interpreti… È lei che ci accompagna a incontrare una famiglia. Padre Toufic arriva con le braccia cariche: i bambini accorrono, poiché in poche settimane è diventato di famiglia!
Najlaa, una madre trentenne di tre bambini che non la lasciano mai: Rania, la maggiore di dieci anni; David, che ha festeggiato gli otto anni il giorno d’arrivo in paese; l’ultima, Nour, che non ha ancora quattro anni. La loro storia è purtroppo simile a quella di tante famiglie di Qaraqosh, la più grande città cristiana dell’Iraq. Il 7 agosto 2014, la città è caduta nelle mani degli islamisti e, dopo settimane di angoscia e resistenza, c’è stata la fuga improvvisa. Prima destinazione, la Turchia: «C’era l’ostacolo della lingua, noi parliamo aramaico o arabo, ma non turco. I cristiani non sono benvenuti e abbiamo dovuto nasconderci per quaranta giorni; non uscivamo e non parlavamo con nessuno», racconta la giovane madre, mentre guarda i suoi bambini. Il loro profondo silenzio non lascia alcun dubbio: tra l’esodo, l’illegalità e la povertà, sanno che la loro vita non sarà più come prima. Najla e suo marito, insegnante, avevano una vita confortevole, possedevano anche un’auto. Raina, la bimba di dieci anni, ci dice che la sua casa le manca, così come le mancano i suoi amici; le piacerebbe andare a scuola, imparare l’inglese; «Ma mi piace il Libano», aggiunge sorridendo.

Nutrire la speranza

Domenica mattina, gli esuli vengono ad ascoltare le omelie di padre Toufic. Queste famiglie cattoliche di rito orientale professano la stessa fede in Gesù Cristo e partecipano alla stessa eucaristia. Nel paese non ci sono parrocchie cattoliche di rito siriaco, quindi le famiglie si recano nella chiesa più accogliente. Padre Toufic se ne fa un onore: «Papa Francesco non cessa d’invitare la Chiesa ad avvicinarsi ai nostri fratelli cristiani d’Oriente; è adesso che hanno bisogno di noi». Così Natale è stato celebrato nella gioia. È stato organizzato un grande pranzo con distribuzione di regali ai bambini. Per l’anno venturo si stanno preparando attività ricreative e l’animazione spirituale per i giovani. La parrocchia francescana dispone di una grande sala per incontri e di un campo sportivo: «Almeno qualche ora, ogni sabato, andrà bene come inizio», spera l’instancabile francescano. «Queste famiglie hanno perso quasi tutto, non possiamo lasciare andare alla deriva la loro speranza cristiana, bisogna continuare a nutrirla», ci confida.
Il francescano non è sacerdote siriaco e non ha l’ambizione di diventarlo: «Sono cattolico latino e sono felice che alcuni fratelli di un altro rito possano scoprire il nostro modo di vivere la fede, anche se sono solo di passaggio. Dobbiamo arricchirci di questo incontro». Queste famiglie irachene hanno affidato l’incertezza del loro destino alla protezione di San Mamas, martire del III secolo che ha dato il nome al paese. «Qui ci sentiamo quasi a casa perché siamo guardati con benevolenza», conclude Najla.

Un autobus per andare a scuola Arrivate a Deir Mimas, queste otto famiglie irachene – soprattutto i diciannove giovani che le compongono – hanno bisogno di integrarsi nella società libanese. I bambini sono stati iscritti nelle scuole vicine di Klayaa, ma non possono frequentare, non avendo risorse per pagare il trasporto scolastico. «Per questi diciannove giovani, un minibus per condurli cinque volte la settimana per i prossimi sei mesi costerebbe solo 1.500 euro» spiega padre Toufic. I bambini potrebbero non solo andare a scuola, ma soprattutto uscire dalle loro case, cambiar aria e giocare con i ragazzi della loro età.

Leggi tutto!

giovedì, gennaio 15, 2015

 

Dalla missione Shalom in Iraq

By Movimento Shalom
Nuria Buzzi

“La situazione è molto più critica di quello che immaginavo. Il lavoro che fino ad ora è stato fatto per dare assistenza ai rifugiati è immane, ma tanti sono ancora i bisogni”.
Queste le parole di Don Donato Agostinelli, partito per l’Iraq lo scorso lunedì, con una delegazione di volontari del Movimento Shalom.
Il gruppo ha già visitato ad Ankawa, nella regione autonoma del Kurdistan, alcuni campi dove vivono i profughi cristiani fuggiti, ad agosto, dai villaggi della Piana di Ninive (tra cui Qaragosh, Bartella, Batnaya e Karemlesh, oggi occupati dai miliziani dello Stato Islamico).
Nella sola cittadina di Ankawa si contano 70mila sfollati, distribuiti in diversi campi. Nel più grande, ricavato in un centro commerciale mai inaugurato e ora ribattezzato Ankawa Mall, vivono 420 famiglie, in container di quattro metri per cinque forniti dall’UNHCR. 1700 persone che condividono i servizi igienici e che aspettano soltanto di poter tornare nelle loro case. A pochi chilometri di distanza, nei pressi dei campi Asthy 128 e 189, padre Firas Behnam Benoka, referente locale del Movimento Shalom, ha allestito la clinica Mart-Shmony per dare assistenza sanitaria ai profughi. La farmacia del piccolo dispensario non riesce, però, a far fronte alla crescente richiesta di medicinali. “Abbiamo portato con noi generi di prima necessità, vestiti e medicine  - precisa Don Agostinelli – ma ci sarebbe bisogno che gli aiuti umanitari arrivassero in maniera massiccia”.
In prima linea con Padre Firas Behnam Benoka anche molte suore e sacerdoti di ogni ordine religioso. In molti casi profughi loro stessi, protagonisti dell’esodo forzato di 500mila iracheni verso il Kurdistan. Uomini, donne e bambini per i quali, in una notte, tutto è finito. “In questi giorni abbiamo vissuto momenti molto intensi -spiega Claudio Agostini di Castelfiorentino, membro della delegazione e storico volontario del Movimento Shalom. – In particolare, nel campo profughi di Gasnazan, abbiamo avuto modo di parlare con Suor Rahma Yacob, una suora domenicana irachena dell’ordine di Santa Caterina da Siena. Il suo racconto della fuga e delle traversie patite dai rifugiati ci ha permesso di comprendere il loro dramma e di interiorizzare la loro sofferenza. Una sofferenza di cui vogliamo essere testimonianza”.

Per contribuire alla raccolta fondi a favore dei Cristiani dell’Iraq clicca qui.

Leggi tutto!
 

Chi sono i tre nuovi vescovi della chiesa caldea

By Baghdadhope*

Dalla Sala Stampa della Santa Sede le biografie dei tre nuovi vescovi caldei:

Il Rev.do Sacerdote Basel Yaldo è nato a Telkaif (Iraq) il 23 maggio 1970. Ha studiato al National Teachers College di Baghdad dove ha conseguito la licenza nel 1989.
Nel 1994 è entrato nel Seminario Maggiore dei Caldei a Baghdad e nel 1996 è stato inviato in Urbe, dove nel 2001, presso la Pontificia Università Urbaniana, ha concluso gli studi in Teologia.
È stato ordinato sacerdote il 23 novembre 2002 per l’Arcieparchia di Baghdad dei Caldei.
Nel 2003 ha completato un Master in Teologia Dogmatica presso la medesima Università.
Dal 2004 al 2006 ha avuto vari incarichi: Vice-Rettore del suddetto Seminario, docente di Teologia Dogmatica al Babel College, Vice-Parroco della chiesa del Sacro Cuore a Baghdad e Segretario Particolare del compianto Patriarca Cardinale Emmanuel III Delly.
Nel 2007 si è trasferito negli USA presso l’Eparchia di St. Thomas the Apostle of Detroit dei Caldei, operando come Vice-Parroco di St. George Chaldean Catholic Church in Michigan, della quale al presente è parroco.
Nel 2013 ha conseguito il dottorato presso la Pontificia Università Urbaniana.
Parla l’aramaico, l’arabo, l’italiano e l’inglese.

S.E. Mons. Amel Shamon Nona è nato ad Alqosh il 1° novembre 1967. Completati gli studi secondari, nel 1985 ha frequentato il Seminario Patriarcale Caldeo ed è stato ordinato sacerdote l’11 gennaio 1991 a Baghdad.
Dal 1993 al 1997 è stato Vicario ad Alqosh, quindi parroco fino al 2000, quando si è iscritto alla Facoltà di Teologia dell’Università Lateranense di Roma.
Nel 2005 ha conseguito la Laurea ed è rientrato in patria come parroco della chiesa di Alqosh ed è stato nominato Protosincello della sua Arcieparchia oltre ad essere professore di Antropologia al Babel College.
Eletto Arcivescovo di Mossul dei Caldei il 13 novembre 2009, ha ricevuto l’ordinazione episcopale l’8 gennaio 2010.
Parla l’arabo, l’italiano, il caldeo e conosce l’inglese.

Il Rev.do Corepiscopo Emmanuel Challita è nato a Fishkabour-Zakho (Iraq) il 12 novembre 1956.
Terminati gli studi primari nel suo villaggio, nel 1971 è entrato nel Seminario Minore "S. Giovanni" retto dai Padri Domenicani, presso Mossul.
Nel 1977 è stato inviato alla Pontificia Università Urbaniana, dove ha compiuto gli studi di Filosofia e Teologia.
È stato ordinato sacerdote da Papa S. Giovanni Paolo II, il 31 maggio 1984. Ha continuato gli studi presso la facoltà di Teologia dell’Università Urbaniana ed ha conseguito il dottorato in Teologia Biblica nel 1987.
Si è trasferito negli USA presso l’Eparchia caldea di Saint Thomas the Apostle of Detroit, dove dal 1987 al 2000 ha svolto servizio presso la Parrocchia di San Paolo, North Hollywood (CA), dal 2000 al 2002 è stato Vice Parroco di S. Giuseppe, Troy, Michigan; quindi fino al 2006 Parroco nella stessa sede e al presente è Parroco di San Giorgio a Township (MI).
Nel 2009, in occasione del suo venticinquesimo anniversario sacerdotale, ha ricevuto il titolo di Corepiscopo.
Parla il caldeo, l’arabo, l’italiano e l’inglese; conosce l’assiro, il curdo, il francese, il tedesco, e tra le lingue antiche il latino, l’ebraico e il greco.

Leggi tutto!
 

Alqosh: una Chiesa di frontiera, più forte della minaccia dello Stato islamico

By Asia News

Una "Chiesa di confine" a pochi chilometri dal muro che separa i territori controllati dai Peshmerga curdi dai primi bastioni dello Stato islamico; una terra di frontiera, sulla quale pende la minaccia costante del Califfato, capace di conquistare ampie porzioni di Siria e Iraq; una cittadina composta in larghissima maggioranza da cristiani, che ogni giorno devono "fare i conti con la paura", anche se "la volontà è di restare qui".
Così p. Joseph Abdel Sater, dell'Ordine antoniano maronita, descrive la realtà quotidiana di Alqosh, cittadina della piana di Ninive resa celebre dal monastero di sant'Ormisda, incastonato sulla montagna che domina la vallata, dove a inizio '500 i cristiani irakeni maturarono il ricongiungimento con Roma. "Il nostro motto - racconta ad AsiaNews - è non abbiate paura perché io ho vinto il mondo. Qui non bisogna avere paura, non bisogna temere ciò che può uccidere il corpo". 
Libanese maronita nato nel dicembre del 1957, studi alla Pontificia università San Tommaso d'Aquino a Roma, oggi il monaco è delegato apostolico al monastero di Nostra Signora delle Messi ad Alqosh, appartenente all'Ordine antoniano di Sant'Ormisda dei Caldei. Esercita la funzione "pro tempore" di superiore generale, in attesa che l'ordine ne elegga uno proprio nel prossimo capitolo.
"Ho iniziato nel 2012 e l'incarico dura cinque anni" racconta, ma non mancano le occasioni per rispondere agli inviti di mons. Rabban al Qas, vescovo di Duhok, e di mons. Amel Nona, arcivescovo di Mosul, "per partecipare a ritiri spirituali di sacerdoti, a incontri e conferenze". Tuttavia, aggiunge, "cerco di non spostarmi molto, perché qui al monastero c'è molto da fare". 

"La nostra è una chiesa di confine con lo Stato islamico" prosegue p. Joseph, nato e cresciuto in una famiglia numerosa - sei figli, cinque maschi e una femmina - e dalla salda fede cattolica. Il motto, aggiunge, è  "non avere timore di quello che può uccidere il corpo", perché "la nostra volontà è di restare qui: se anche i monaci scappano, chi resta a prendersi cura dei fedeli?". 
Alqosh è una storica cittadina del governatorato di Ninive, nel Kurdistan irakeno; situata circa 50 km a nord di Mosul, la roccaforte dei jihadisti, essa costituisce uno dei principali centri della tradizione cristiana assiro-caldea. A circa 3 km dal centro, inerpicato sulle montagne che dominano la città, sorge il secolare monastero di Rabban Ormisda, sede dei patriarchi nestoriani dal 1551 al 1804. Nel tempo la struttura originaria, troppo esposta ad attacchi e assalti dall'esterno, oltre che simbolo di un periodo travagliato della Chiesa locale, è stata sostituita dal nuovo monastero di Nostra Signora delle Messi, poco fuori la città. Oggi è abitato da un gruppo di monaci, che hanno aperto le porte a orfani e giovani profughi, rimasti senza famiglia a causa delle violenze islamiste. 
Anche Alqosh, come molte altre cittadine e villaggi del Kurdistan irakeno, ha accolto un numero consistente di rifugiati. "Questo è un villaggio cristiano, non ci sono musulmani. Nella nostra scuola abbiamo accolto alcune famiglie, altre sono sparse per la città; vi sono 13 famiglie di profughi, un centinaio di persone in tutto" racconta p. Jospeh, mentre  ci apre le porte della chiesa del monastero. Al suo interno è stato realizzato un "presepe originale - racconta - realizzato su una cartina geografica dell'Iraq, con i colori nero, rosso e bianco; il Cristo viene da est, è la luce del mondo, che illumina e santifica il sangue (il rosso della bandiera irakena) versato dai nostri martiri".
Difatti in una zona ben definita del presepe campeggiano le fotografie di due grandi martiri della storia recente del cristianesimo in Iraq: p. Ragheed Ganni, ucciso da estremisti islamici nel giugno 2007, e mons. Paul Faraj Rahho, deceduto nel corso di un sequestro nel marzo dell'anno successivo.  "Qui in Iraq la Nuova evangelizzazione è essere pronti al martirio" afferma, anche se l'obiettivo primario resta quello di "far rimanere qui i cristiani, fermare l'ondata migratoria, un dissanguamento" che non sembra avere fine. Per questo, aggiunge, "bisogna pensare a una strategia" e "la Chiesa in prima persona può e si deve occupare di questo". 
Prima di salutarci, p. Joseph indica la grande croce di 6 metri di altezza che i cristiani della città hanno eretto sulle pendici della montagna; un simbolo che afferma, una volta di più, il coraggio e la determinazione di questa comunità nel fronteggiare e superare le insidie. Oggi lo Stato islamico come le persecuzioni del passato. "Possiamo scegliere fra la logica umana e la grazia divina: secondo la prima, dovremmo andare via. Ma se crediamo nella grazia - conclude il monaco - bisogna avere fede nella parola di Dio. Gesù ci ha amato fino alla croce, noi siamo qui per questo, per mantenere vivo il sangue dei primi martiri cristiani, che hanno innaffiato questa terra".


Leggi tutto!
 

NEWS: Nuovi vescovi nella chiesa caldea

By Baghdadhope*
 
Il Sinodo Caldeo riunitosi ad Erbil dal 24 al 27 giugno 2014 ha eletto i vescovi delle diocesi di Canada ed Australia ed il vescovo ausiliare di Baghdad. Papa Francesco ha confermato la loro elezione. I vescovi sono:
 
Mons. Emmanuel Hana Isho Shaleta. Diocesi di Mar Addai, Canada
Mons.. Emil Shimon Nona. Diocesi di San Tommaso Apostolo, Australia (ex vescovo di Mosul)
Padre Basil Yaldo, vescovo ausiliare a Baghdad.
L'ordinazione avrà luogo venerdì 6 febbraio 2015 nella cattedrale di San Giuseppe a Baghdad per l'imposizione delle mani del Patriarca Luis Raphael I.

Leggi tutto!

mercoledì, gennaio 14, 2015

 

Mons. Lingua (Nunzio), viaggio papa Francesco: "nessun fondamento"

By SIR

La notizia di un possibile viaggio di Papa Francesco in Iraq e in Kurdistan, per salutare sfollati e profughi “non ha fondamento. Di vero c’è soltanto la volontà del Pontefice di recarsi in Iraq come da lui stesso ammesso durante il viaggio di ritorno dalla Turchia”.
A dichiararlo al Sir è il nunzio apostolico in Iraq e Giordania, monsignor Giorgio Lingua, che ieri sera a Betlemme ha incontrato i vescovi di Usa, Ue, Canada e Sudafrica che compongono l’Holy Land Coordination in questi giorni in Terra Santa per la loro annuale visita-pellegrinaggio.
“A Papa Francesco piacerebbe molto venire in Iraq, ha avuto l’invito ma al momento mancano le condizioni necessarie per la sicurezza. Un grande desiderio da parte di tutti in Iraq - ha aggiunto il nunzio - e sarebbe bellissimo ma di concreto non c’è nulla”.
Il sogno di un viaggio in Iraq del Papa era stato in qualche modo accarezzato qualche giorno fa dal cardinale francese Philippe Barbarin che aveva parlato di “viaggio breve”, anche di un solo giorno, a Baghdad e a Erbil dove hanno trovato rifugio i cristiani fuggiti da Mosul. “Recarsi solo ad Erbil - spiega mons. Lingua - certamente farebbe felici e consolerebbe i tanti sfollati ma il viaggio dovrebbe avere tra le sue mete anche Ur dei Caldei e Baghdad, dove hanno sede le Istituzioni nazionali. Così facendo si avrebbe una grande opportunità che in questo momento mi pare importante cogliere: parlare di riconciliazione nazionale. Ur, dove la tradizione individua il luogo di nascita del profeta Abramo, padre delle tre religioni monoteiste, è un luogo altamente simbolico”. Tuttavia, conclude il nunzio, “un viaggio così articolato, in questo momento, appare un’utopia”.

Leggi tutto!

martedì, gennaio 13, 2015

 

Militants of the Islamic State (ISIL) Tightens a citizen in Mosul because of false testimony about Christian properties

Photo Ankawa.com
By Ankawa.com
Younes Thanon – Translated by Rashwan Issam Al-Daqaq

Witnesses said to our correspondent that the militants of the Islamic state have tightened this citizen on one of the electric poles at the center of the city of Mosul in Bab Altoob. They did that because he lies on the militants about the ownership of a cooking gas bottle that belong to one of the Christians houses left in Mosul. The witnesses added that the militants withheld this person and took the gas bottle for themselves as it is spoils belong to the Islamic State. A number of militants from the Islamic State in Mosul tightened one of the citizens with ropes on the electric poles in one of the city streets. They put a sign on his body saying “false witness”.

Leggi tutto!
 

Patriarcato caldeo: dal Patriarca nessuna “approvazione” all'emigrazione dei cristiani in Germania e Canada

By Fides

Il Patriarcato di Babilonia dei Caldei, con un comunicato ufficiale, smentisce le affermazioni circolate online secondo cui il Patriarca Louis Raphael I avrebbe concesso la sua approvazione all'emigrazione di 13mila cristiani caldei iracheni in Canada e in Germania. Tali strane affermazioni – si legge nel comunicato, diffuso dai media ufficiali del Patriarcato e pervenuto anche all'Agenzia Fides – risultano essere completamente infondate. Riguardo all'emigrazione dei cristiani dall'Iraq, il Patriarcato ribadisce la posizione già espressa in altre occasioni: chi decide di lasciare il Paese martoriato dai conflitti settari e destabilizzato dalla creazione del Califfato Islamico, lo fa in piena libertà e assumendosene la piena responsabilità. Il Patriarcato non vincola nessuno all'obbligo morale di rimanere, né tanto meno incoraggia nessuno a andare via. La strada dell'emigrazione rappresenta sempre una decisione personale, che non può essere giustificata con riferimenti a inesistenti approvazioni da parte dell'autorità ecclesiastica.
Nel comunicato del Patriarcato si mettono in guardia i fedeli caldei dalle manovre di singoli e gruppi organizzati che “soprattutto negli Stati Uniti” puntano a far aumentare i numeri della diaspora irachena per allargare la propria “clientela” elettorale, da mobilitare in appoggio alle loro iniziative politiche.


Leggi tutto!

lunedì, gennaio 12, 2015

 

Sacerdote irakeno: Lo Stato islamico ha distrutto la fiducia dei cristiani nei musulmani

Dario Salvi

Dopo aver subito in prima persona le violenze delle milizie dello Stato islamico, i rifugiati cristiani hanno "perso la fiducia" e si chiedono, "come sia possibile convivere con i musulmani"; anche con quanti, un tempo, erano "vicini di casa e, nei giorni successivi alla fuga, hanno depredato le loro case e si sono impossessati dei loro beni". È quanto racconta ad AsiaNews
p. Youhanna Issa, 50enne sacerdote originario di Mosul, appartenente all'Ordine antoniano di Sant'Ormisda dei caldei. Egli è amministratore apostolico della diocesi (vacante) di Aqra, fra Erbil e Duhok, e si occupa dei profughi che hanno abbandonato Mosul e i villaggi cristiani della piana di Ninive - Tilkief, Karemles, Qaraqosh - in seguito all'avanzata dei jihadisti. Il villaggio di Mella Baruan, dove vive, era formato da 70 famiglie; in questi mesi la popolazione è più che raddoppiata: almeno 80 nuovi nuclei, più di 400 persone che hanno stravolto la quotidianità dell'area. Altre 50 famiglie hanno trovato ospitalità in un villaggio vicino: "Sono arrivati fra il 6 e il 7 agosto - racconta p. Issa - con la seconda ondata di profughi, quando Mosul è caduta nelle mani dei terroristi". 
Ancora oggi, a distanza di tempo, la situazione resta difficile; la Chiesa è in prima linea nella distribuzione di cibo, aiuti, generi di prima necessità, coperte per ripararsi da un inverno che comincia a farsi pungente, per il freddo e la pioggia. Le temperature si avvicinano allo zero, in molti vivono in alloggi di fortuna, vi sono tanti problemi quotidiani. "I cristiani soffrono molto" spiega. "Vivono in case abbandonate, fatiscenti, il cibo ogni tanto scarseggia, mancano i soldi per provvedere alle necessità quotidiane di base. La crisi è destinata a durare, non si risolverà in poche settimane". 
Le famiglie trascorrono le giornate in un clima di perenne attesa, incerte sul futuro, desiderose - da un lato - di rientrare nelle loro case, ma dall'altro sempre più orientate alla fuga all'estero, al grande salto in Europa, Canada, Australia, da amici o parenti che hanno già lasciato da tempo l'Iraq. "Con l'arrivo dell'Isis - racconta p. Issa - non credono più in una convivenza possibile con i musulmani". I rapporti, gli equilibri sono cambiati ed è evidente che "è venuta meno la fiducia".
In passato, sotto il regime di Saddam Hussein, un governo forte e un esercito saldo garantivano per alcuni aspetti il rispetto della legge e del diritto; non vi erano divisioni di natura confessionale, il regime spegneva sul nascere tensioni e conflitti. Le due guerre promosse dagli Stati Uniti hanno stravolto gli equilibri e fatto deflagrare in tutta la loro portata tensioni etnico-religiose latenti fra sunniti, sciiti, curdi, fra musulmani e cristiani. "Quando non c'è legge, quando non c'è diritto - sottolinea il sacerdote - quando i cristiani diventano vittime, qui nasce il problema". A differenza del Kurdistan irakeno, dove (oggi) la convivenza è possibile, i profughi "non riescono a vedere più una prospettiva analoga a Mosul e nei villaggi della regione. I musulmani li hanno derubati, hanno distrutto i loro oggetti... lo Stato islamico, già attivo nella zona dal 2013 e capace di sfruttare il risentimento verso l'America e il malcontento per la situazione economica, ha cambiato tutto". 
Ad aiutare le decine di famiglie sfollate, come nelle altre aree del Kurdistan irakeno in cui hanno trovato rifugio, vi è la Chiesa locale, che ha svolto un "lavoro enorme" pur fra notevoli difficoltà. "Senza la Chiesa - sottolinea p. Issa - questi cristiani sarebbero stati perduti, e invece hanno ricevuto un aiuto fondamentale". Tuttavia, la mancanza di prospettive, di un lavoro, della possibilità di educare i figli alimentano il risentimento e la sfiducia. "Alcuni profughi sono arrabbiati, altri aspettano la grazia del Signore, ovvero fuggire, altri ancora mostrano pazienza e vogliono credere in un cambiamento". "Per l'Iraq - conclude il sacerdote - si prospetta un futuro di conflitti e divisioni sempre più nette, che porteranno il Paese allo smembramento, se non emergerà un governo forte e una presenza militare salda e in grado di controllare il territorio"


Leggi tutto!
 

Patriarca Sako: Dopo Parigi, i musulmani smantellino dall'interno l'ideologia dell'odio

By Asia News

La strage di Parigi, che ha prodotto 16 vittime innocenti e ha portato alla morte dei tre assalitori islamici, è "un terribile crimine che il Patriarcato caldeo condanna con forza. Ci appelliamo ai nostri fratelli musulmani: prendete l'iniziativa e, dall'interno, smantellate questa ideologia terroristica ed estremista". Lo scrive il Patriarca della Chiesa caldea, Mar Louis Raphael Sako, in un messaggio inviato ad AsiaNews.
Nel testo si legge: "Il Patriarcato caldeo condanna con forza i terribili crimini avvenuti in Francia in questi giorni, ed esprime la propria solidarietà e vicinanza alla popolazione francese e alle famiglie delle persone coinvolte". Davanti a ciò che sta accadendo nel mondo arabo e al di fuori della regione, scrive ancora Mar Sako, "avvenimenti senza precedenti e che minacciano le relazioni e la coesistenza, ci appelliamo ai nostri fratelli musulmani affinché prendano l'iniziativa dall'interno di smantellare questa ideologia terroristica ed estremista, costruendo al suo posto un'opinione pubblica islamica aperta e illuminata, che non accetta l'uso politico della religione".
Il futuro dell'umanità, conclude, "passa soltanto attraverso la convivenza in pace, armonia e cooperazione come avveniva prima dell'avvento delle frange radicali dedite alla violenza. Dobbiamo meritarci la nostra responsabilità storica e morale, diffondendo la cultura del riconoscimento, dell'accettazione e del rispetto dell'altro basandoci sul principio che recita: 'Non ci sia obbligo nella religione'. Portiamo avanti un dialogo onesto e saggio, una visione chiara e il rispetto religioso".
 

Leggi tutto!

This page is powered by Blogger. Isn't yours?