venerdì, maggio 25, 2018

 

Ministero degli esteri: grazie a Papa Francesco per il sostegno all'Iraq e per la porpora al Patriarca caldeo

By Fides

Il Ministero degli Esteri iracheno ha espresso pubblicamente il proprio ringraziamento a Papa Francesco “e al Vaticano” per il “continuo sostegno” da loro garantito all'Iraq e al popolo iracheno “in questo momento decisivo per la pace e la convivenza”. Una ulteriore, recente manifestazione di tale sostegno viene identificata dal Ministero degli esteri iracheno nella “concessione al Patriarca iracheno Mar Louis Raphael I Sako del titolo di Cardinale”. Tale titolo – specifica il comunicato diffuso dal Ministero, e firmato dal portavoce ufficiale Ahmed Mahjoob – identifica “un grado di alto livello, dopo quello del Papa”. La cooptazione del Patriarca Sako nel Collegio dei Cardinali rappresenterà agli occhi della dirigenza politica irachena anche un riconoscimento delle sue iniziative umanitarie. Grazie al futuro Cardinale iracheno – sostengono i funzionari di Baghdad – l'Iraq avrà “una voce in Vaticano e nei forum internazionali” per continuare la “lotta contro il terrorismo” e “preservare la sua pluriformità religiosa”.
In Iraq il Ministro degli esteri in carica è ancora Ibrahim al Jaafari, ma lo scenario politico iracheno appare in pieno movimento, dopo che le elezioni politiche dello scorso 12 maggio hanno avuto esiti spiazzanti rispetto alle previsioni di molti analisti. La nuova assemblea parlamentare (329 seggi) uscita dalle elezioni appare frantumata. Il partito del premier uscente, lo sciita Haydar al-Abadi, è arrivato solo terzo (42 seggi) nella scelta degli elettori mentre il partito più votato (54 seggi) è stato il Sayrun, una coalizione tra il leader sciita (ma non filo-iraniano) Moqtada al-Sadr e il Partito Comunista. Secondo (47 seggi) si è classificato il gruppo delle milizie filo-iraniane anti-Stato Islamico, trasformatosi in partito con il nome di al-Fatih e guidato da Hadi al-Amiri. I curdi si sono presentati divisi, e l'eventuale coalizione tra i due maggiori partiti curdi il Partito Democratico del Kurdistan (PDK) di Mas'ud Barzani e l'Unione Patriottica del Kurdistan (PUK) - fondata da Jalal Talabani, Presidente dell'Iraq dal 2005 al 2014, scomparso nel 2017 – raggiungerebbe solo il terzo posto. 

Leggi tutto!

giovedì, maggio 24, 2018

 

Found in Yonkers

By Commonweal
Rita Ferrone

One of the joys of knowing a bit about liturgical history is that, occasionally, you come across a pebble that proves to be a gem. This happened to me a few months ago in, surprisingly enough, my dentist’s office.
We were chatting about religion, which itself was not unusual: I write about religion, and my dentist takes a friendly interest in many subjects; he is an Assyrian Christian, and I always want to know more about the various branches of world Christianity. I asked him what day his church celebrates Christmas, thinking they might follow the Orthodox calendar. “Oh no,” he said. “Ours is the same as yours.” In the ensuing conversation he mentioned something about an historic agreement between his church and the Catholic Church in 2001.
The penny dropped.
“Forgive me,” I said with some excitement, “I know this sounds strange, but I have to ask: Does your church celebrate the liturgy using the anaphora of Addai and Mari?” (Anaphora means “offering”; it is a term for the Eucharistic prayer.)
He looked at me in blank astonishment; he had no idea. But we turned to the computer, called up a few websites, and confirmed that, sure enough, it was true. The Assyrian Church of the East is the possessor of one of the most ancient, venerable, and fascinating Eucharistic prayers extant in the Christian world.
This Eucharistic prayer is famous among liturgists. Named after the two disciples that their tradition identifies as being among the seventy-two sent out by Jesus (see Luke 10:1–24), the anaphora of Addai and Mari has a unique profile. Dom Gregory Dix, in his 1950 classic tome, The Shape of the Liturgy, pointed out how different it is from ancient prayers that were shaped by Greek influences. According to him, Addai and Mari is the most Hebraic of the surviving ancient Eucharistic prayers. So enamored was he of this liturgical artifact that he closed his monumental work with a long quote from the proclamation of the deacon at the breaking of the bread. Here is a bit of it:
Let us all with awe and reverence draw nigh to the mysteries of the precious Body and Blood of our Saviour. With a pure heart and faith unfeigned let us commemorate His passion and recall His resurrection. . . .
Let us receive the Holy and be hallowed by the Holy Ghost. . .
More recently, the anaphora of Addai and Mari was the focus of attention among liturgical scholars in 2001, when the decision was reached by the Catholic Church to acknowledge this Eucharist as valid. It was a big deal. The eminent American liturgical scholar, Archimandrite Robert Taft, SJ, who taught for many years at the Pontifical Oriental Institute in Rome, called the statement that announced this “the most remarkable Catholic magisterial document since Vatican II,” and Taft is not one to gush.
His essay for Worship magazine was provocatively titled: “Mass Without a Consecration? The Historic Agreement on the Eucharist Between the Catholic Church and the Assyrian Church of the East Promulgated 26 October 2001. In it, Fr. Taft explained the reasoning behind this decision—reached after considerable research and dialogue, and approved by the Pontifical Council for Promoting Christian Unity, the Congregation for the Oriental Churches, the Congregation for the Doctrine of the Faith, and Pope John Paul II himself. The fact that the liturgy has been prayed continuously since ancient times, and the undeniable faith of the Christian people it nourished, influenced the decision. When the Catholic Church affirmed the anaphora of Addai and Mari as valid, it was saying that the Eucharist produced by this liturgy is truly the Body and Blood of Christ. This is true despite the fact that there is no institution narrative in the prayer.
Yes, you heard that right. The anaphora of Addai and Mari does not contain the story of the Last Supper. The words “This is my body” and “This is my blood”—words that Catholics have long considered essential—do not appear. Instead, the prayer makes reference to what Jesus has given us, praises God for it, and confesses our unworthiness, using highly eschatological language touched with a kind of spiritual ecstasy. The prayer consecrates the elements in its own way.
Continua a leggere...»

Leggi tutto!
 

A Mostly Non-Christian Militia Won 2 Of Iraqi Christians’ Parliamentary Seats. Now Christians Want Trump To Intervene.

By Huffington Post
May 23, 2018

Akbar Shahid Ahmed

A mostly non-Christian militia linked to a brutal Iranian-backed paramilitary group secured two of the five seats in Iraq's parliament reserved for Christians, according to official election results announced Saturday.
The militia, known as the Babylon Brigade, doesn't represent Christians at all, local leaders and international advocates for Iraqi Christians warn. They say the militia's candidates, though Christian, won only because of help from Shiite Muslims. And Iraqi Christians are calling on President Donald Trump to live up to his statements of concern for Middle East Christians by pressuring Iraqi authorities to invalidate the results. But so far, the Trump administration has said nothing on the issue.
Rayan al-Kildani, a Christian associated with various militias, founded the Babylon Brigade in 2014 when ISIS swept through Iraq and began hunting down religious minorities. Al-Kildani brought together 1,000 fighters and soon became the most prominent Christian in the popular mobilization, an umbrella group of Iraqi militias that fought ISIS with U.S. help. Along the way, he forged close ties with the Badr Organization, a historically brutal armed group that receives support from the Shiite leadership of Iran.
Most of Al-Kildani's fighters aren't Christians, national security experts say, but members of the non-Christian Shabak ethnic minority or Iraq's Shiite Muslim majority. Al-Kildani's chief value to the mostly Shiite leaders of the popular mobilization forces was in propaganda. "He's used like a quisling character to put a Christian face onto these militias," said Michael Knights, a senior fellow at the Washington Institute, a think tank focused on Middle East policy.
Al-Kildani has "nothing to do with the morality of Christ ... [and] does not represent Christians in any way," the church of Louis Sako, a top Iraqi priest who's now a cardinal-designate, said in a statement last year.
Al-Kildani didn't win the parliamentary seats because of support from the Christian community but because of his ties to groups like Badr, his opponents fear. His candidates received thousands of votes from heavily Shiite cities that have no known Christian communities, said Asaad Kalasho, the U.S. representative for the Christian town of Tel Keppe.
"He did get votes from Christians ... [but] there's no way that he won based solely on those Christian votes," said Yousif Kalian, a program assistant at the United States Institute for Peace who has written on Al-Kildani's militia. "Many [Christians] feel he doesn't represent their interests largely because of connections to Badr and to Iran."
One Christian party whose representatives had a post-election meeting at the State Department is formally challenging the seat allocation. And Sako said the results show Christians need to "learn a lesson" about securing political power.
Activists believe that rather than advocate for the Christian minority, the Babylon Brigade's representatives in parliament will be most concerned with tipping the scales in favor of the Badr Organization, which secured the second-largest seat total in parliament. Kalasho said he sees the situation as evidence that the entire election was flawed -- echoing complaints of irregularities elsewhere that the U.S. has said should be investigated.
Strong representation, the advocates argue, is crucial to help Iraq's already struggling Christian community survive. Before the U.S. invasion unleashed waves of violence, Iraq had nearly 1.5 million Christians among its population of 38 million. Now only about 200,000 are left in the country, most of them in northern villages, the Kurdish region in the northeast and the capital, Baghdad.
"We've been marginalized by both Kurds and the central Iraqi government over the years. Now it's Iran," said Steve Oshana, the executive director of the nonprofit group A Demand for Action, throwing in a reference to Trump's favorite geopolitical bogeyman. "Our land has been stolen, our rights diminished, and if we lose legitimate representation in parliament, there's no coming back for us ... We've been bamboozled, and it will take leadership from the administration to make sure it doesn't lead to our complete marginalization in our ancestral homeland."
Activists said a strong response by the U.S. government is the only way to ensure that Christians still have their interests represented and prove that Washington will not tolerate attempts to suppress them. The White House and State Department met with Iraqi Christians worried about al-Kildani at least twice last year, Oshana said.
Many in the Trump administration, particularly evangelical Christian darling Vice President Mike Pence, have said they want to help Iraq's Christians.
"Across the wider Middle East, we can now see a future in many areas without a Christian faith. But tonight, I came to tell you, help is on the way," Pence proclaimed in October.
But the president has repeatedly told aides he wants to wash his hands of the Middle East and avoid pulling the U.S. into its communities' disputes.
Asked to comment for this story, the White House, Pence and the State Department's office for international religious freedom were all silent.

Read also: Rudaw. May 21, 2018. In Nineveh 30k Shiites voted for Christian Babylon List

Leggi tutto!

mercoledì, maggio 23, 2018

 

Patriarca Raï. «Per la guerra in Iraq perso un milione di cristiani»

By Avvenire
Michele Zanzucchi

In Libano la dimensione confessionale è fondamentale anche in politica, cosicché le autorità religiose hanno da dire la loro anche in campo civile e politico. Intervistare il patriarca della principale Chiesa cristiana presente in Libano, quella maronita, è quindi interessante non solo per gli aspetti più religiosi ma anche per quelli politici. Béchara Boutros Raï, a capo dei maroniti dal marzo 2011, è noto per il suo franco parlare e la chiarezza delle sue vedute. Mi riceve nel suo palazzo patriarcale di Bkerke.
In novembre lei si è recato in Arabia Saudita. In aprile è stato il presidente del Pontificio Consiglio per dialogo interreligioso, il cardinale Jean-Louis Tauran, a rendere visita ai sauditi. Solo qualche mese fa pareva impossibile…
Sono stato invitato ufficialmente dal re saudita Salman, senza richiesta alcuna. Non è la prima volta: già il re Abdallah, mi aveva invitato, ma la data stabilita cadeva proprio all’inizio del Conclave. L’importanza particolare di questa visita è stata la coincidenza con le dimissioni del primo ministro libanese. I rapporti con la sua famiglia erano stati interrotti e il presidente Aoun stava preparando un ricorso al Consiglio di sicurezza Onu. In realtà abbiamo visto giusto, perché ho portato parlare chiaramente del rientro di Hariri in Libano. Le autorità saudite convenivano, doveva rientrare; ma ero io che dovevo cercare di convincerlo, perché aveva paura. Muhammad Bin Salman mi ha suggerito di incontrare il premier a casa sua, ma ho risposto che era lui a dover venire da me, perché volevo accertarmi che fosse libero nei suoi movimenti. È venuto e ci siamo messi d’accordo che sarebbe rientrato due giorni dopo. Due settimane fa Saad Hariri, qui a Bkerke, per la prima volta pubblicamente ha detto: «Il mio rientro è dovuto al patriarca». Credo che il cardinale Tauran abbia continuato i rapporti aperti con la mia visita. La strada è ormai aperta. Io ho trascorso solo 24 ore in Arabia Saudita, perché dovevo recarmi a Roma. Ho subito incontrato il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, perché in Vaticano erano preoccupati. Ma dovevo pur fare qualcosa quando il premier libanese era dimissionario a Riad!
L’Occidente sembra voler cambiare i regimi mediorientali a proprio piacimento. Ma con la scusa di cacciare dei dittatori cerca di trarre vantaggi…
Perché gli occidentali vogliono cambiare i regimi mediorientali? Ma chi gliel’ha chiesto? Qual è stata la ragione vera per distruggere l’Iraq e oggi per smembrare la Siria? Noi cristiani sappiamo come vivere sotto tutti i regimi, in Iraq, Siria, Arabia Saudita… Questi Paesi hanno un sistema religioso di gestione del potere. I cristiani sanno che questi sono i loro limiti. La religione di Stato è l’Islam? Accettiamolo. Il Corano detta la legge? Rispettiamolo. In contropartita godiamo della fiducia delle autorità civili, perché non ci intromettiamo nelle questioni politiche.
Oggi si rischia la scomparsa dei cristiani in Medio Oriente.
La guerra nell’Iraq ci ha fatto perdere un milione di cristiani. E ti dicono: veniamo ad abbattere il tiranno di turno! Sì, d’accordo, era un tiranno, perché quando il sistema è a base religiosa il governante ha sempre una certa dose di dittatura. Ma Saddam Hussein costruiva lui stesso le chiese dei cristiani, il vescovado caldeo qui in Libano è stato edificato proprio da lui. La Siria? Conosceva un grande successo economico, mentre ora è stata indebolita da al-Qaeda, al-Nusra, dal Daesh. I dittatori sanno chi hanno nel loro Paese, per questo usano il pugno di ferro. Che cosa abbiamo ottenuto combattendo il presidente Assad? Povertà e guerre e milioni di profughi.
Cosa pensare del conflitto che oppone gran parte del mondo sunnita e sciita?
Qui in Libano tra sciiti e sunniti c’è un certo conflitto politico, ma si convive abbastanza bene. La guerra siriana è scoppiata per il contrasto tra l’Arabia Saudita e l’Iran, cioè tra i capofila del mondo sunnita e di quello sciita. Stessa cosa per Iraq e Yemen. Qui risentiamo di queste influenze. In Siria prima della guerra tutti, sunniti e sciiti, erano per il regime. Ora invece l’Arabia Saudita sta attirando tutti i sunniti e l’Iran tutti gli sciiti nelle loro sfere di influenza.
Quali le responsabilità della comunità internazionale?
La comunità internazionale applaude al Libano (“che bravo, che bravo!”) perché accoglie i migranti, ma non muove un dito per aiutarlo. Chiudere le nostre frontiere ad altri esseri umani non lo possiamo fare. Ma non è ammissibile che la comunità internazionale continui a stare a guardare. Dicono gli europei: «Ma che possiamo fare, da voi c’è la guerra!». E io dico loro: «Ma perché continuate voi a soffiare sul fuoco?». E poi ci vengono a dire come dobbiamo fare per proteggere i cristiani perseguitati! «Ma voi siete la causa di tutto questo - rispondo loro - , noi non siamo perseguitati, vivevamo e viviamo bene assieme». Ci sono state delle aggressioni, questo sì, ma non si può parlare di persecuzioni.
Il Libano è un esempio di convivenza tra fedi diverse.
Noi sappiamo come vivere in Medio Oriente. Da 1.400 anni viviamo insieme, abbiamo attraversato momenti difficili, ma siamo ancora qui. Abbiamo favorito la nascita della moderazione musulmana. Adesso gli occidentali cercano di sradicare i cristiani dai loro Paesi lavorando per la guerra. Nessuno, tranne il Papa, parla di pace. Tuttavia, qui rimane sempre la volontà di vivere insieme. Ma se si vuole che vi sia riconciliazione in Medio Oriente, bisogna che la comunità internazionale favorisca la riconciliazione tra Arabia Saudita e Iran.

Leggi tutto!

lunedì, maggio 21, 2018

 

Elezioni, assegnati i 5 seggi riservati ai cristiani. Il Patriarca caldeo si congratula con Muqtada al Sadr

By Fides

I risultati definitivi delle elezioni politiche irachene confermano che due dei 5 seggi riservati ai cristiani sono stati conquistati da candidati del movimento delle “Brigate Babilonia”: si tratta di Aswan Salem Sawa - che si è aggiudicato il seggio riservato ai cristiani nella Provincia elettorale di Ninive – e di Burhanuddin Ishak Ibrahim, che ha prevalso nella corsa per conquistare il seggio riservato ai cristiani nella Provincia di Baghdad. Nella Provincia di Kirkuk il seggio riservato ai cristiani è andato a Rihan Hanna Ayoub, candidata del Consiglio popolare siro caldeo assiro, mentre il candidato Immanuel Khoshaba, della coalizione assira Rafidain, si è aggiudicato il seggio riservato ai cristiani nel governatorato di Dohuk, e Hoshyar Karadag Yelda, candidato alla coalizione caldea, ha conquistato il seggio riservato ai cristiani nella provincia di Erbil. Quattro dei cinque candidati appartengono alla Chiesa caldea. Ambienti vicini ad alcuni candidati cristiani, legati soprattutto al Movimento democratico assiro, che hanno raccolto risultati deludenti alle elezioni e non riusciranno a entrare in Parlamento, annunciano ricorsi e rilanciano sospetti sul responso elettorale, lasciando intendere che su alcuni candidati cristiani sarebbero stati dirottati anche voti di elettori sciiti, in modo da piazzare nei seggi riservati ai cristiani rappresentanti che di fatto saranno allineati alle formazioni politiche preponderanti.
Intanto, il Patriarcato caldeo riferisce che nei giorni scorsi il Patriarca caldeo Louis Raphael Sako ha telefonato al leader sciita iracheno Muqtada al Sadr, vincitore delle elezioni, per congratularsi con lui e esprimere i propri auspici per un governo che promuova davvero il bene comune di tutto il popolo iracheno. Muqtada al Sadr – riportano le fonti ufficiali del Patriarcato caldeo – ha ringraziato il Patriarca anche per le parole di omaggio da lui espresse in occasione dell'inizio del Ramadan, e ha confermato la sua intenzione di “sostenere i cristiani”.
Domenica 20 maggio, festa di Pentecoste, dopo la recita del Regina Coeli. Papa Francesco ha annunciato che il prossimo 29 giugno si terrà un nuovo Concistoro per la creazione di 14 nuovi cardinali, tra i quali figura anche il Patriarca caldeo Louis Raphael Sako. Sabato 19 maggio, lo stesso Patriarca aveva diffuso un comunicato di commento ai risultati elettorali, nel quale, tra le altre cose, invitava i politici cristiani che si sono presentati divisi alle recenti elezioni a “imparare la lezione”, riconoscendo che “solo quando avremo messo il dito nella ferita saremo in grado di sviluppare una nuova visione e unire le posizioni per salvaguardare la nostra piccola 'quota' e la sua 'indipendenza'”.

Leggi tutto!
 

Nuovi cardinali. Patriarca Sako: “Nomina per tutto l’Iraq. Servire il Paese con il grembiule e la Croce”

By AgenSIR
Daniele Rocchi

“Una vera sorpresa, del tutto inaspettata. Ringrazio per questo Papa Francesco. Questa nomina è un grande sostegno per tutta la Chiesa irachena, per il nostro Paese, per il popolo che soffre. Farò tutto ciò che è in mio potere per l’Iraq e per gli iracheni, senza distinzione alcuna”.
È ancora emozionato Louis-Raphaël I Sako, patriarca di Babilonia dei Caldei, quando il Sir lo raggiunge telefonicamente nella capitale irachena. Neanche il tempo di “metabolizzare” la notizia della sua creazione a cardinale, data da Papa Francesco, dopo il Regina Coeli in piazza San Pietro, insieme ad altri 13 nuovi porporati. Tra i nomi che riceveranno la berretta rossa dalle mani di Papa Francesco durante il Concistoro del 29 giugno: Luis Ladaria Ferrer, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede; Angelo De Donatis, vicario di Roma; Giovanni Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato; Konrad Kraiewski, elemosiniere apostolico; Joseph Coutts, arcivescovo di Karachi; Antonio dos Santos Marto, vescovo di Leiria-Fatima; Pedro Ricardo Barreto Jimeno, arcivescovo di Huancayo; Désiré Tsarahazana, arcivescovo di Toamasina; Giuseppe Petrocchi, arcivescovo dell’Aquila, e Thomas Aquino Manyo Maeda, arcivescovo di Osaka.Chiesa di martiri.
Dopo Emmanuel III Delly, creato e pubblicato cardinale nel concistoro del 24 novembre 2007 da Benedetto XVI, la Chiesa irachena torna così ad avere una nuova porpora cardinalizia, “confinante” con quella siriana del nunzio apostolico Mario Zenari. E il neo porporato non manca di sottolinearlo:
“Papa Francesco con questa decisione ha voluto ancora una volta, così come era stato per il nunzio in Siria, il card. Mario Zenari, esprimere la sua vicinanza ad una terra macchiata da sangue innocente, dove i cristiani sono stati oggetto di tanta violenza”.
Il pensiero di Mar Sako corre a “tutti coloro che sono stati uccisi in odio alla fede”, come mons. Paul Faraj Rahho, arcivescovo di Mosul, padre Ragheed Ganni e i loro compagni, il cui martirio dona “valori spirituali che riempiono la nostra vita di speranza, dignità umana, tolleranza e pace”, valori che “aiuteranno la nostra nazione a rialzarsi e a liberarsi da ogni forma di terrorismo, uccisioni, distruzioni per godere di sicurezza, stabilità, prosperità economica e sociale”. Parole che Mar Sako aveva già usato nel suo messaggio scritto per la commemorazione dei martiri caldei, celebrata il 6 aprile scorso.
“Noi cristiani – aggiunge il neo porporato – non abbiamo spade, ma solo le armi della pace, della preghiera, della convivenza armoniosa. La nostra vocazione è perdonare settanta volte sette, vale a dire sempre. Siamo chiamati ad essere artigiani di pace, costruttori di speranza e di dialogo. I nostri fratelli musulmani apprezzano questa nostra cultura di pace”.
La telefonata di Moqtada al Sadr.
“Papa Francesco ha sempre detto di voler andare dove c’è bisogno. Per ora non può venire qui da noi ma con la nomina di un cardinale per l’Iraq, così come è stato per la Siria, il Santo Padre si rende vicino a tutti noi per sostenere gli iracheni, cristiani e non, che soffrono” afferma il patriarca caldeo. Il messaggio insito in questa nomina, aggiunge il patriarca, è chiaro:
“Basta sangue, basta guerre, è tempo di riconciliarsi”.
Un assist al mondo politico iracheno, reduce dal voto del 12 maggio scorso. “Speriamo che le recenti elezioni possano far nascere un governo capace di riconciliare le diverse anime del nostro Paese così da camminare uniti verso la pace, la stabilità e il progresso sociale ed economico”. Non è un caso, allora, che tra i primi a congratularsi con Mar Sako sia stato proprio il vincitore della tornata elettorale, vale a dire il religioso sciita Moqtada al Sadr.
“Mi ha chiamato al Sadr che ha usato parole che mi hanno commosso: ‘La pace del Signore sia su di te’. Mi ha anche ribadito che è pronto ad aiutare e a collaborare con i cristiani” rivela il patriarca caldeo.
Attestazioni di stima sono arrivate anche “da parte di autorità di Governo e di leader religiosi musulmani, sciiti e sunniti, come anche da gente semplice. Tutti – dichiara Mar Sako – mi hanno espresso la loro gioia dicendo che questa nomina è un dono grande per il nostro Paese, un infuso di speranza per un futuro migliore. Ma è anche un segno di vicinanza spirituale alla nostra fede, non solo cristiana, come mi ha detto un musulmano”.
Il grembiule e la croce.
Forte di questa nomina, la Chiesa irachena prova a rafforzare la sua presenza e a rilanciare la sua azione pastorale, a partire dal ritorno delle comunità cristiane nei villaggi della Piana di Ninive, distrutti dallo Stato Islamico e in via di ricostruzione. A indicare la direzione è il patriarca Sako:
“Venerdì scorso ho ordinato quattro nuovi sacerdoti caldei e, donando loro un grembiule e una croce in legno, li ho esortati a vivere da servitori del Vangelo. La stessa esortazione che rivolgo non solo ai sacerdoti ma anche a tutti i fedeli: non cerchiamo potere, denaro, fama. Seguiamo il Vangelo servendo con gioia il gregge che Gesù ci affida. Un compito reso ancora più difficile dalla situazione in cui ci troviamo a vivere.
Deponiamo l’orgoglio, l’ambizione, e facciamoci servi. La Bibbia sia la luce del nostro cammino. Il grembiule è un simbolo evangelico dal grande significato. Esso ci esorta a
vivere come servitori e non come autorità.
Vestire il grembiule vuole anche esprimere la semplicità dello stare vicino alla gente, esserne amico, stare al suo fianco. È con questo spirito che accolgo la nomina voluta dal Santo Padre”.

Leggi tutto!
 

Nuovi cardinali: patriarca Sako (Baghdad) al Sir, “un grande sostegno per la Chiesa irachena”


By AgenSIR

“Una vera sorpresa, del tutto inaspettata. Ringrazio per questo Papa Francesco. Questa nomina è un grande sostegno per tutta la Chiesa irachena, per il nostro Paese, per il popolo che soffre. Farò tutto ciò che è in mio potere per l’Iraq e per gli iracheni, senza distinzione alcuna”.

Lo ha detto al Sir Louis-Raphaël I Sako, patriarca di Babilonia dei Caldei, commentando a caldo la notizia della sua creazione a cardinale, data da Papa Francesco, dopo il Regina Coeli in piazza San Pietro, insieme ad altri 13 nuovi porporati.
Per il neo porporato “Papa Francesco con questa decisione ha voluto ancora una volta, così come era stato per il nunzio in Siria, il card. Mario Zenari, esprimere la sua vicinanza ad una terra macchiata da sangue innocente, dove i cristiani sono stati oggetto di tanta violenza”. “Noi cristiani – ha aggiunto Mar Sako – non abbiamo spade, ma solo le armi della pace, della preghiera, della convivenza armoniosa. La nostra vocazione è perdonare settanta volte sette, vale a dire sempre. Siamo chiamati ad essere artigiani di pace, costruttori di speranza e di dialogo. I nostri fratelli musulmani apprezzano questa nostra cultura di pace”. Tra le tante attestazioni di stima giunte al neo porporato anche quella del religioso sciita Moqtada al Sadr, fresco vincitore delle elezioni di sabato 12 maggio. “Mi ha chiamato al Sadr che ha usato parole che mi hanno commosso: ‘La pace del Signore sia su di te’. Mi ha anche ribadito che è pronto ad aiutare e a collaborare con i cristiani”, ha rivelato il patriarca caldeo. “Da parte di autorità di Governo e di leader religiosi musulmani, sciiti e sunniti, come anche da gente semplice… tutti mi hanno espresso la loro gioia dicendo che questa nomina è un dono grande per il nostro Paese, un infuso di speranza per un futuro migliore. Ma è anche un segno di vicinanza spirituale alla nostra fede, non solo cristiana, come mi ha detto un musulmano”.
“Venerdì scorso
– ha poi ricordato Mar Sako – ho ordinato quattro nuovi sacerdoti caldei e, donando loro un grembiule e una croce in legno, li ho esortati a vivere da servitori del Vangelo. La stessa esortazione che rivolgo non solo ai sacerdoti ma anche a tutti i fedeli: non cerchiamo potere, denaro, fama. Seguiamo il Vangelo servendo con gioia il gregge che Gesù ci affida. Il grembiule è un simbolo evangelico dal grande significato. Esso ci esorta a vivere come servitori e non come autorità. Vestire il grembiule vuole anche esprimere la semplicità dello stare vicino alla gente, esserne amico, stare al suo fianco. È con questo spirito che accolgo la nomina voluta dal Santo Padre”.

Leggi tutto!

domenica, maggio 20, 2018

 

Annunciato il nuovo sinodo della chiesa caldea

By Baghdadhope*

Nel giorno della sua nomina a Cardinale il Patriarca di Babilonia dei Caldei, Mar Louis Raphael I Sako, ha celebrato la Santa Messa della Pentecoste nella chiesa di San Giuseppe a Baghdad.
Nell'omelia il neo-cardinale ha parlato della Pentecoste come una festa di speranza.
"La nostra chiesa" ha spiegato "a dispetto delle difficili circostanze e delle sofferenze è aperta alla vita ed al rinnovamento." "Ci sono" ha aggiunto "segni positivi" e tra essi ha elencato la annunciata beatificazione di quattro "martiri," il sacerdote Padre Ragheed Ganni che fu ucciso a sangue freddo a Mosul nel giugno 2007 ed i tre suddiaconi che erano con lui nella chiesa dello Spirito Santo dove aveva appena celebrato la santa messa; l'ordinazione di cinque sacerdoti in Iraq nel giro di un solo mese alla quale seguiranno altre ordinazioni nella diocesi degli Stati Uniti orientali ed in Svezia ed il ritiro spirituale che si terrà in Iraq dal 4 al 7 giugno prossimi cui parteciperanno sacerdoti, monaci ed i vescovi della chiesa caldea che, dal 7 al 13 dello stesso mese, si riuniranno in sinodo per scegliere i nomi dei vescovi per le attuali sedi vacanti e discutere di altri temi.  
Il patriarca ha poi sottolineato il ritorno di più di 8.000 famiglie nella Piana di Ninive e parlato delle recenti elezioni che fanno sperare nelle formazione di "un forte governo democratico e civile."
Per quanto riguarda la sua nomina cardinalizia il patriarca ha sottolineato la sua sorpresa nel riceverla ed il fatto che essa sia un "segno vitale della chiesa e dello Spirito Santo in Iraq."       

Leggi tutto!
 

Patriarca Sako: la nomina è un impulso di speranza per l’Iraq

By Vatican News
Michele Raviart

Il Patriarca di Baghdad e dei Caldei, Louis Raphael Sako, sarà creato cardinale il prossimo 29 giugno, come ha annunciato questa mattina Papa Francesco dopo il Regina Coeli. La nomina è particolarmente significativa per la comunità dei Caldei in Iraq, una comunità perseguitata e in esilio, a causa delle guerre che hanno devastato il Paese.
Per me è stata una sorpresa, veramente! Sono molto riconoscente … non è per la mia persona, ma per la Chiesa che ha sofferto tanto e per l’Iraq, in questo periodo: secondo me, per tutto il Paese, sia per i cristiani, sia per i musulmani, è un sostegno da parte della Chiesa universale e della Santa Sede, è un impulso di speranza, di incoraggiamento ad andare avanti verso la riconciliazione del Paese.
Che cosa significa per la gente, per i cristiani in Iraq e in Medio Oriente, questa importante nomina?
Da mezzogiorno ad adesso, sono arrivate telefonate da musulmani, cristiani, gente semplice e anche responsabili dello Stato: tutti mi hanno detto che questa nomina è per noi, è per l’Iraq, è per i musulmani … Un musulmano mi ha detto che questa è per tutti i credenti in Dio …
Questa attenzione da parte di Papa Francesco per i cristiani iracheni, che cosa vuol dire?
Non è la prima volta che lui pensa alle Chiese che soffrono. In questo stesso modo ha creato cardinale il nunzio in Siria, e oggi è per l’Iraq. Ma anche per altri Paesi: dunque è un padre, lui; apre gli occhi e vede dove c’è bisogno di un sostegno grande, come questa nomina. E questo vuol dire anche che la Chiesa è viva, è forte e che bisogna perseverare, rimanere, testimoniare il Vangelo.
 
Chi è il Patriarca dei Caldei, Louis Raphael I Sako

È nato a Zākhō (Iraq) il 4 luglio 1948.
A Mossul ha compiuto gli studi primari, frequentando poi il locale Seminario di St. Jean, tenuto dai Padri Domenicani.
Ordinato sacerdote il 1° giugno 1974, ha svolto il servizio pastorale presso la Cattedrale di Mossul fino al 1979.
Inviato a Roma, ha frequentato il Pontificio Istituto Orientale, conseguendo il dottorato in Patrologia Orientale. Successivamente ha conseguito il dottorato in Storia presso la Sorbona di Parigi.
Dal 1997 al 2002 ha ricoperto l’ufficio di Rettore del Seminario patriarcale di Baghdad. Rientrato a Mossul ha ripreso la guida della Parrocchia del Perpetuo Soccorso fino alla elezione ad Arcivescovo di Kerkūk il 27 settembre 2003. Ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 14 novembre successivo.
Il 31 gennaio 2013, nel corso del Sinodo convocato a Roma da Papa Benedetto XVI dopo la rinuncia del Patriarca S. B. Card. Delly, è stato eletto Patriarca, ricevendo dal medesimo Sommo Pontefice la Ecclesiastica Communio l’1° febbraio; essa è stata significata pubblicamente con la Celebrazione Eucaristica nella Basilica Vaticana il 4 febbraio.
Ha pubblicato alcuni libri sui Padri della Chiesa e diversi articoli. Oltre all’arabo e al caldeo, conosce la lingua tedesca e parla francese, inglese e italiano.

Leggi tutto!
 

Papa Francesco: il 29 giugno concistoro per 14 nuovi cardinali

By Vatican News

Dopo la recita del Regina Coeli, il Pontefice annuncia che il prossimo 29 giugno terrà un concistoro per la creazione di 14 nuove porpore, segno dell’universalità della Chiesa “che continua ad annunciare l’amore misericordioso di Dio a tutti gli uomini della terra”
Sua Beatitudine Louis-Raphaël I Sako, patriarca di Babilonia dei Caldei

Mons. Luis Ladaria
, prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede;

Mons. Angelo De Donatis, vicario generale di Roma;
Mons. Giovanni Angelo Becciu, sostituto per gli Affari generali della Segreteria di Stato, e Delegato speciale presso il Sovrano Militare Ordine di Malta;
Mons. Konrad Krajewski, Elemosiniere apostolico;
Mons. Joseph Coutts, arcivescovo di Karachi;
Mons. Antonio dos Santos Martos, vescovo di Leiria-Fátima;
Mons. Pedro Barreto, arcivescovo di Huancayo;
Mons. Desiré Tsarahazana, arcivescovo di Toamasina;
Mons. Giuseppe Petrocchi, arcivescovo de L’Aquila;
Mons. Tomas Aquinas Manyo Maeda, arcivescovo di Osaka.

Insieme ad essi unirò ai membri del Collegio cardinalizio un arcivescovo, un vescovo e un religioso che si sono distinti per il loro servizio alla Chiesa:
Mons. Sergio Obeso Rivera, arcivescovo emerito di Jalapa;
Mons. Toribio Porco Ticona, prelato emerito di Coro Coro;
il reverendo Padre Aquilino Bocos Merino, claretiano

Leggi tutto!
 

Statement on the Results of the Iraqi Parliamentary Election 2018

By Chaldean Patriarchate
Louis Raphael Sako


I would like to start with a sincere congratulations and warmest wishes to our Muslim brothers in this holy month of Ramadan, asking God to make it an excellent opportunity for tolerance, forgiveness and reconciliation among Iraqis.

I also congratulate the winners of 2018 Iraqi Parliamentary Election and wish them success in assuming their full responsibilities in serving the country and the nation. I hope that they will soon form a “Civil, Democratic and Strong Government”. A government that: treat people equally; open a new page of balanced relations between all political alliances, away from patronage, bias and narrow ambitions; aim at improving Iraq at all levels by creating a political balance between all the active national forces on the ground, in order to reach the desired maturity in dealing with different views and attitudes.
I do anticipate that the new political process will: lead to the adoption of laws that safeguard citizens’ rights, liberties and dignities, equally; put the “sublime” national interest above all considerations; consolidate the unity of Iraqi people; and use all means to reconstruct the destroyed homes of the displaced families to speed up their return after such a long suffering.
Regarding Christian “Quota”
I urge Christians to learn a lesson from the result of this election, which came as a surprise due to well-known reasons, including, but not limited to: previous practices in fighting for Parliament seats as well as the “dropping” pre- and post-election; the unwillingness of Christians to vote as a result of lack of awareness; the large number of lists and candidates that led to the dispersion of votes; as well as the dependency factor. Once we put our finger into the wound, we will be able to develop a new vision and unite the stances to safeguard our small “quota” and its’ independence, which in turn protects our dignity and unity.
Finally, I congratulate the 5 Christian winners and hope that they will work as one team, to perform better. I would also encourage them to establish excellent relations with their colleagues in the Parliament in order to achieve the common goals that concern us all, regardless of national, partisan, religious and political affiliations.

Leggi tutto!

mercoledì, maggio 16, 2018

 

Nuove ordinazioni per la chiesa caldea

By Baghdadhope*


Il sito del Patriarcato Caldeo rende nota l'ordinazione ad Ankawa di 4 nuovi sacerdoti.
La cerimonia, svoltasi nella chiesa degli Apostoli, è stata celebrata dal patriarca della chiesa caldea, Mar Louis Raphael I Sako. A parteciparvi sono stati anche il Nunzio Apostolico in Giordania ed Iraq Mons. Alberto Ortega, i vescovi caldei Mons. Shleimun Warduni, Mons. Basel Yaldo, Mons. Jacques Isaac, Mons. Thomas Meram ed il Corepiscopo Mons. Philippe Najim. La Chiesa Assira dell'Est era rappresentata dal suo patriarca Mar Gewargis III Sliwa e dall'Arcivescovo di Erbil Mar Abris Youkhana, e quella Siro-Ortodossa dal vescovo di Mosul Mons. Nicodemus Daoud Sharaf.

I quattro nuovi sacerdoti della chiesa caldea sono:
Padre Waeel Ablahad Ayoub Alshaby
Diocesi di Mosul. Nato a Karamles il 2 luglio 1991 ed entrato nel 2012 in seminario. Nel 2018 ha conseguito presso il Babel College, unica facoltà teologica cristiana in Iraq, la laurea in Teologia.
Padre Hani Khamis Gargis
Diocesi del Cairo.(Egitto)  Nato in Egitto il 15 maggio 1985. Diplomato in una scuola tecnica nel 2005, ha conseguito nel 2009 la laurea in tecnologia presso l'università Helwan del Cairo. Nello stesso anno ha terminato gli studi presso l'Istituto Superiore di educazione religiosa a Sakakini (Cairo). Entrato in seminario nel 2012 ha conseguito la laurea in Teologia presso il Babel College nel 2018.
Padre Eilram Yunus Aslan Diocesi di Urmia (Iran). Nato il 10 agosto 1993 a Karaj (Iran) nel 2010 ha ottenuto il diploma in scienze sperimentali  e nel 2018 la laurea in Teologia presso il Babel College.
Padre Zahir (Adday) Abdul Latif Jameel Babaca
Nato a Karamles l'8 luglio 1978 e laureatosi in veterinaria presso l'università di Mosul nel 2005. Precedentemente, nel 2003, aveva conseguito il diploma del seminario teologico della stessa città. Sposato con Shafiq Al-Najjar ha due bambini di nome Lewis e Charbel.

Al termine della sua omelia Mar Louis Sako ha detto che: "Questa ordinazione ad Ankawa che precede di tre settimane quella di un sacerdote a Baghdad è segno di speranza per la chiesa caldea ma anche un messaggio di sfida in queste difficili attuali circostanze e la prova della vitalità della nostra chiesa." 

Leggi tutto!

martedì, maggio 15, 2018

 

Patriarca Sako: "Grazie a Papa Francesco per il gesto della Lamboghini. Ancor più cristiani torneranno a Ninive!"


«Siamo molto grati per questo gesto tanto paterno compiuto da Papa Francesco. Il Pontefice è padre di tutta la Chiesa e pensa a tutti, soprattutto a coloro che come noi soffrono».

È questo il commento del patriarca caldeo di Babilonia Raphael Louis I Sako alla notizia che il numero unico della Lamborghini Huracan, donata al Pontefice dalla casa automobilistica lo scorso 15 novembre, è stata battuta all’asta lo scorso 12 maggio per la cifra di 715mila euro. Come da volere del Santo Padre l’intera somma verrà devoluta in beneficenza e larga parte del totale andrà ad Aiuto alla Chiesa che Soffre per sostenere il piano di ricostruzione dei villaggi cristiani della Piana di Ninive in Iraq.
«Il Papa non cessa mai di dimostrare la propria vicinanza ai cristiani iracheni», ha affermato il patriarca che al momento si trova proprio ad Erbil. «Questo dono ci infonde tanta speranza e costituisce un grande incoraggiamento! È per noi importante rimanere, continuare la nostra vita in Iraq e testimoniare qui la nostra fede e i valori del Vangelo».
Il Piano ACS per la ricostruzione dei villaggi cristiani della Piana di Ninive ha permesso a tanti cristiani di tornare alle proprie case. Al 25 marzo scorso le famiglie rientrate nell’intera Piana erano 8.213, più del 42% delle 19.452 costrette a fuggire a causa dell’invasione dello Stato Islamico nell’agosto del 2014.
«Con il dono del Papa potremo fare ancora di più. Ringrazio di cuore il Santo Padre ma al tempo stesso chiedo a tutti coloro che possono aiutare, anche con poco, di sostenere i cristiani di Ninive che rappresentano le radici della nostra fede!».
Il 12 maggio, proprio mentre veniva battuta la Lamborghini, in Iraq si tenevano le elezioni parlamentari. I risultati non sono ancora definitivi, ma le proiezioni vedono in testa come prossimo premier il chierico sciita Moqtada al-Sadr. «Al Sadr si è sempre mostrato ben disposto nei confronti delle minoranze, ma in caso vincesse bisognerà vedere con chi formerà una coalizione. L’affluenza al voto è stata bassissima perché gli iracheni hanno perso fiducia nella classe politica. Mancano progetti e programmi concreti e la corruzione è dilagante. Al momento vi è confusione ma speriamo che la nuova classe politica possa fare del bene e soprattutto unire un Paese estremamente diviso come l’Iraq».
Dall’inizio dell’avanzata di Isis nel giugno 2014, Aiuto alla Chiesa che Soffre ha sostenuto progetti emergenziali e umanitari in Iraq per un totale di 37.703.054 euro. La Fondazione è la prima associazione nella Piana di Ninive per entità di aiuti.

Leggi tutto!

lunedì, maggio 14, 2018

 

Nihil obstat della Santa Sede al processo per riconoscere il martirio di padre Raghiid Ganni e dei tre diaconi uccisi nel 2007

By Fides

La Congregazione per le Cause dei Santi ha concesso il Nihil Obstat necessario per iniziare il
processo di canonizzazione del sacerdote caldeo iracheno Raghiid Ganni e dei tre diaconi – Basman Yousef Daud, Wahid Hanna Isho e Gassan Isam Bidawid – uccisi il 3 giugno 2007 da un commando di uomini armati a Mosul, presso la chiesa caldea dedicata allo Spirito Santo.
Con una lettera, firmata lo scorso 1° marzo dal Cardinale Angelo Amato (Prefetto della Congregazione per le Cause del Santi) e dall'Arcivescovo Marcello Bartolucci (Segretario del medesimo Dicastero vaticano), viene confermato che non c'è nessun ostacolo a iniziare il processo di canonizzazione per proclamare santi padre Ganni e i tre diaconi uccisi con lui, secondo le procedure previste.
La lettera,
rilanciata dai media ufficiali del Patriarcato caldeo, fa riferimento alla richiesta avanzata nel novembre 2017 da Francis Yohana Kalabat, Vescovo dell'eparchia caldea di San Tommaso Apostolo a Detroit. Fonti locali confermano all'Agenzia Fides che la competenza della Causa di canonizzazione, con le dovute autorizzazioni da parte della Santa Sede, è stata trasferita dall'arcieparchia caldea di Mosul all'eparchia caldea con sede a Detroit, negli Stati Uniti d'America. L'instabilità delle regioni nord-irachene e la condizione difficile in cui si trova l'arcieparchia caldea di Mosul dopo gli anni di occupazione jihadista di quella metropoli evidentemente rendono ancora difficile poter condurre in loco un processo di canonizzazione nel rispetto delle procedure richieste, anche riguardo alla raccolta delle testimonianze.
La Causa di canonizzazione che potrà dichiarare beati padre Ganni e i tre diaconi uccisi insieme a lui verrà introdotta “pro martirio in odium fidei”, e dovrà verificare e attestare che i quattro beatificandi sono martiri trucidati dai loro carnefici a causa della propria fede in Cristo.
Il martirio di padre Ganni e dei tre diaconi avvenne nella domenica di Pentecoste, presso la chiesa caldea dedicata allo Spirito Santo, dopo la celebrazione della Santa Messa.
Nella vita di padre Raghiid Ganni, ha detto una volta don Fabio Rosini, direttore del Servizio per le vocazioni della diocesi di Roma, “si è realizzato qualcosa che solo la grazia può compiere... Noi” ha aggiunto il sacerdote romano “pensiamo umanamente che abbiamo di fronte un eroe, cioè qualcuno capace di fare qualcosa di straordinario, ma così corriamo il pericolo di trasformare il cristianesimo in eroismo. Un martire non è un eroe, ma un testimone. Lo si riconosce se in lui opera la grazia. Nella Chiesa gli eroi creano problemi e spaccature, personalismi, perché parlano di sé. I martiri invece parlano di Cristo, portano la sua testimonianza”.

Leggi tutto!
 

Oltre 700.000 Euro il ricavato della vendita della Lamborghini donata a Papa Francesco. ACS: Il gesto del Papa fortifica la speranza dei cristiani d'Iraq

Alfredo Mantovano – Presidente ACS Italia
Alessandro Monteduro – Direttore ACS Italia


La Lamborghini donata nel novembre scorso dall’azienda automobilistica a Papa Francesco oggi è stata venduta all’asta a Monaco da Sotheby’s per 715.000 euro. Il Santo Padre, nell’accettare a suo tempo il dono, aveva voluto che l’intero ricavato della vendita venisse destinato ad opere di carità. Lo stesso Pontefice ha indicato che una parte del ricavato fosse destinata ai progetti di Aiuto alla Chiesa che Soffre per le comunità cristiane d’Iraq: quelle che, dopo la sconfitta militare di Daesh, stanno rientrando nei villaggi della Piana di Ninive da cui furono scacciati dai terroristi. ACS è particolarmente impegnata perché i Cristiani tornino nel nord dell’Iraq: ha varato un “Piano Marshall” per la ricostruzione e ha contributo alla strutturazione del Ninive Reconstruction Committee, coinvolgendo tutte le Chiese d’Iraq. Ricevere dunque la generosità di Papa Francesco conforta noi e rafforza la speranza dei tanti nostri fratelli cristiani perseguitati in Medio Oriente.



Leggi tutto!

martedì, maggio 08, 2018

 

Elezioni, il Patriarca caldeo: non si può “silenziare” la Chiesa quando offre il suo contributo al bene comune

By Fides

La Chiesa non interviene direttamente sul terreno della politica. Ma non può essere silenziata quando interviene in merito a questioni e emergenze cruciali per la vita del popolo e del Paese. Lo ha ribadito con forza il Patriarca caldeo Louis Raphael Sako, rispondendo agli argomenti di alcuni critici che nei giorni scorsi lo avevano accusato di intervenire indebitamente su questioni politiche, nel clima incandescente che precede le prossime elezioni legislative di sabato 12 maggio. In un messaggio diffuso dai canali ufficiali del Patriarcato, il Patriarca Sako ha riaffermato il diritto degli uomini di Chiesa a intervenire in merito alle questioni che toccano la vita della collettività, esercitando un ruolo positivo “a sostegno della coesione nazionale, a tutela dei diritti e delle le libertà della persona”, per favorire il radicarsi di un autentico Stato di diritto, del principio di cittadinanza.
Nei giorni scorsi, il Patriarca caldeo aveva dichiarato pubblicamente che molte delle piccole formazioni politiche animate da dirigenti e militanti cristiani che prenderanno parte alla prossima competizione elettorale sono in realtà etero-dirette da gruppi politici curdi o sciiti ben più influenti. Alcuni esponenti locali delle piccole liste di impronta cristiana avevano reagito negativamente alle affermazioni del Patriarca, bollandole come una indebita ingerenza clericale nelle questioni temporali. Il Patriarca, nel suo messaggio, fa notare che tali critiche finiscono per avere come reale bersaglio la sensibilità e la sollecitudine sociale che la Chiesa ha sempre manifestato per la vita concreta dei popoli e delle nazioni.

Leggi tutto!
 

Iraq al voto. Patriarca Sako: “Il Paese che vorrei”

By AgenSIR

Il 12 maggio l'Iraq alle urne, per la quarta volta dalla fine del regime di Saddam Hussein, per eleggere il nuovo Parlamento cui spetta la nomina del premier e del presidente della Repubblica. Incertezza sull'esito del voto: l'uomo da battere sembra essere l'attuale premier Haydar al-Abadi, in lizza anche coalizioni sciite filo-iraniane e la lista dell'ex primo ministro Nouri al Maliki. Sunniti e curdi vanno al voto divisi, così come i cristiani ai quali spetta una quota di 5 seggi. L'auspicio del patriarca caldeo di Baghdad, Louis Raphael Sako: "Dalle urne esca un parlamento che sappia arginare con forza la corruzione e la mafia dilagante, favorire la ricostruzione, la riconciliazione e rendere il Paese sovrano e libero dalle pressioni di potenze internazionali e regionali"
“Un parlamento che sappia arginare con forza la corruzione e la mafia dilagante, favorire la ricostruzione, la riconciliazione e rendere il Paese sovrano e libero dalle pressioni di  potenze internazionali e regionali”.
È questo l’auspicio che il patriarca caldeo di Baghdad, Louis Raphael Sako, esprime al Sir, a pochi giorni dalle elezioni politiche nazionali del 12 maggio.
“Un momento importante per tutto il popolo per cui – dice il patriarca – è necessario favorirne la partecipazione sia in patria che all’estero”. Sono quasi 25 milioni gli elettori iracheni chiamati alle urne per scegliere tra i circa 7 mila candidati, 2 mila sono donne, i 329 parlamentari. Ventisette le coalizioni in lizza nelle quali sono confluiti 143 partiti. Una frammentazione politica che non ha risparmiato nessuno, né gli sciiti, che sono il 60% della popolazione, né i sunniti (20%) e né i curdi con il loro 15%. Cinque i seggi riservati – secondo le quote riservate alle minoranze – ai cristiani, distribuiti singolarmente nelle province di Baghdad, Kirkuk, Erbil, Dohuk e Ninive. La speranza del patriarca caldeo, da tutti condivisa, è che il voto “non sia minacciato da attacchi terroristici che pure si verificano quotidianamente. La lotta è cieca e non vede il rispetto dell’altro”.
Difficile pronosticare la vittoria di una singola lista, molto probabile invece è la formazione di un Governo di coalizione. “Coalizzarsi è l’unico modo che hanno i principali partiti per ottenere la maggioranza ed eleggere il premier (carica riservata a uno sciita, ndr.)” spiega Mar Sako che paventa anche la possibilità di “una personalità laica, capace di creare una coalizione con i curdi e i sunniti e altri partiti laici. Ciò che conta è che chi andrà al governo abbia a cuore il bene di tutta la popolazione e non persegua interessi di parte. Non si può fare politica facendo leva sulla religione o sul partito – ribadisce il patriarca – bisogna guardare allo sviluppo e al progresso integrale del Paese”.
I cristiani al voto. In questo panorama politico frammentato la minoranza cristiana non fa eccezione: “anche i cristiani sono divisi.
Ci sono sei liste, più una settima creata intorno a una sola persona con 61 candidati totali che si contenderanno i 5 seggi disponibili. Altri 15 candidati si presentano con liste diverse. Cinque, per esempio, militano nella lista dell’attuale primo ministro”. Non mancano, però, elementi positivi in questa tornata elettorale: “il 96% dei candidati – ricorda il patriarca caldeo – sono figure nuove, tantissime sono le donne. Questo non impedirà ai politici più potenti di essere eletti, ma si tratta di un dato di partecipazione che merita di essere segnalato.
La popolazione ha sofferto molto in questi anni e vuole cambiare.
Il nuovo Parlamento, che sarà chiamato a eleggere il capo del Governo e il Presidente della Repubblica, dovrà tener presente le richieste del popolo che sono “lotta alla corruzione e alla mafia, ricostruire le infrastrutture del Paese, rilanciare l’economia e il lavoro, garantire la stabilità, la sicurezza degli abitanti e i rispetto dei diritti umani. Con queste intenzioni ogni domenica preghiamo per il nostro Paese”.
Una lunga strada.
Il percorso appare ancora lungo e tortuoso. L’Iraq sta cercando di uscire dalla guerra contro lo Stato islamico, la cui sconfitta era stata annunciata lo scorso dicembre dal primo ministro iracheno, Haider al-Abadi.
“Alcune zone sono state liberate e pacificate, ma la mentalità dell’Isis resiste,
è dura da sconfiggere e per questo motivo – afferma il patriarca – è necessario un lavoro continuo di dialogo, di conoscenza, di formazione così da affermare i giusti valori di convivenza e pacificazione”.
Oggi, ammette il patriarca, “non abbiamo ancora uno Stato laico, democratico e forte da controllare le Forze armate, la Polizia – anch’esse divise – e tutte le milizie che si muovono all’interno dei nostri confini. Questo rappresenta un problema che deve essere affrontato e risolto”.
Un punto debole.
La politica estera è un altro ‘punto debole’ dell’Iraq, aggiunge Sako. “L’influenza che alcuni Paesi della regione e potenze internazionali hanno sull’Iraq è pesante e preme sulla vita politica irachena. Il nostro è un Paese ricco di petrolio e di risorse naturali, con una posizione strategica e per questo appetito da molti.
Se l’Iraq fosse libero da influenze straniere potrebbe diventare un fattore di equilibrio, di stabilità e di pace per tutta la regione mediorientale.
Oggi invece le sorti del nostro Paese sono legate a quelle della Siria, dello Yemen e di altre nazioni in conflitto. Il rischio è quello di una tracollo generale. La comunità internazionale non fa nulla per evitarlo e porre fine alle crisi in atto. Tutte queste tragedie influiscono con forza sulle politiche interne. Il nuovo Parlamento sarà chiamato ad affrontare anche questo problema”.
La speranza.
“Ciò che vorrei per l’Iraq del dopo voto? Vorrei un leader laico, onesto, aperto, tollerante che si adoperi per favorire il diritto di cittadinanza base certa su cui fondare la ricostruzione morale e materiale del Paese, la pacificazione della popolazione, instaurazione di buoni rapporti con le nazioni vicine, con gli organismi internazionali, senza creare divisioni e nemici. Se farà tutto questo avrà i cristiani sempre al suo fianco. Non abbiamo ambizioni politiche ma ricerchiamo solo il bene del nostro Iraq, della sua gente a partire dai più bisognosi. Questa è la nostra cultura, questo ci insegna il Vangelo”.


Leggi tutto!

lunedì, maggio 07, 2018

 

Amman e la pizzeria solidale


Il suo cognome è Oriente. È finito in Giordania a insegnare come si fa la pizza ai rifugiati cristiani in fuga dall’Iraq. Luigi, o meglio Gino come lo chiamano i ragazzi, viene da Potenza ed è uno dei maestri pizzaioli della nuova pizzeria solidale “Mar Yousef’s Pizza”.
Un progetto pensato da Abuna Mario Cornioli, parroco della chiesa di Jabal Amman. L’idea è semplice. Dare una professione a chi è fuggito dalla guerra e attende di conoscere il Paese dove sarà accolto insegnandogli il meglio del made in Italy. I vecchi locali della parrocchia sono stati ristrutturati e adibiti a cucina e laboratorio per la pizza al taglio.
Gli apprendisti si chiamano Nashwan, Haitham, Raad, Zeyad, Wisam, Majed, Aysen. Tutti iracheni, perseguitati in patria e riparati in Giordania, con le loro famiglie, in attesa di un Paese che li accetti come rifugiati. Alle spalle si lasciano storie drammatiche. Come Wisam, che ha perso un dito, dopo le torture del Daesh. Viene da Qaraqosh, nella martoriata piana di Ninive. Da qui, nell’agosto del 2014, oltre 100 mila cristiani sono stati costretti a scappare. Oggi armeggia in cucina, con mozzarella e olio d’oliva, imparando un’abilità che potrà essere apprezzata nella sua finale destinazione oltre Oceano: Stati Uniti, Canada o Australia.

Leggi tutto!
 

La corsa dei seminaristi USA per i cristiani di Iraq e Siria. «Noi ed ACS siamo una grande squadra


Nei giorni scorsi dodici seminaristi che studiano a Roma nel Pontificio Collegio Nordamericano hanno lanciato un’iniziativa a sostegno dei cristiani di Iraq e Siria. Una staffetta che ha attraversato l’Italia – sono stati percorsi circa 250 chilometri – e ha raccolto fondi per i cristiani perseguitati in Medio Oriente. Sono giunte finora offerte per più di 11mila e 200 euro che saranno devoluti ad Aiuto alla Chiesa che Soffre, per finanziare interventi nei due Paesi.
«Forse non incontrerò mai le persone per le quali sto correndo, ma ciò non mi impedisce di amarle e di aiutarle attraverso le mia azioni – dichiara ad ACS uno dei seminaristi, Joseph Caraway, proveniente dalla Louisiana – Una corsa potrebbe sembrare un modesto atto di carità, ma ho imparato che l’amore per il prossimo passa anche attraverso i piccoli gesti. La solidarietà offre uno splendido esempio di Chiesa universale. Chiunque può prendervi parte e chiunque può sperimentare l’amore di Cristo attraverso di essa».
È il quarto anno che la squadra dei “roman runners” lancia una simile iniziativa. «Molti di noi sono corridori abituali e ci incontravamo già prima per correre o pregare insieme. Lo consideriamo un dono e volevamo offrirlo agli altri – spiega Caraway – Accrescere la consapevolezza circa la persecuzione cristiana è importante, ma non è abbastanza. Dobbiamo pregare per i nostri fratelli perseguitati e sostenerli concretamente».
È la seconda edizione consecutiva che la raccolta della staffetta viene devoluta ad Iraq e Siria e i seminaristi hanno nuovamente voluto che fosse Aiuto alla Chiesa che Soffre a beneficiare della raccolta. «ACS ha le risorse necessarie a sostenere i nostri fratelli e a rendere nota la loro sofferenza in tutto il mondo. Insieme facciamo una grande squadra!».

Leggi tutto!

venerdì, maggio 04, 2018

 

Elezioni in Iraq, mar Sako: il voto dei cristiani unica via per il futuro della comunità

By Asia News

Davanti a “sfide e cambiamenti” e nonostante un “declino demografico, sociale e culturale” degli ultimi anni nel Paese, è fondamentale “per i caldei in particolare e i cristiani in generale” la partecipazione “in modo responsabile al processo politico”. Un compito che deve essere “libero e autentico, senza paure e vincoli che incentivano all’emigrazione”. È quanto sottolinea sua beatitudine mar Louis Raphael Sako, nel messaggio rivolto alla comunità caldea in Iraq e nel mondo alla vigilia delle elezioni politiche del 12 maggio prossimo, un appuntamento chiave per il futuro del Paese.
Già in passato il primate della Chiesa irakena si era espresso ricordando l’importanza del voto e invitando i cristiani alla partecipazione attiva. “Come pastore e come padre - sottolinea il prelato - invito ciascuno di voi, soprattutto i caldei in patria e all’estero, a prendere parte alle prossime elezioni parlamentari”. La mia esortazione, prosegue, è di scegliere “quanti potranno svolgere al meglio il compito di servire l’Iraq e i suoi abitanti”. 
“Tenente ben presente - prosegue il primate caldeo - che le eleziono sono una responsabilità nazionale e morale” che riguarda tutti i cristiani, per assicurare “un governo moderno, civile e fondato sui principi costituzionali”. Esso deve lavorare in un’ottica di “pluralismo e preservare il patrimonio culturale e di civiltà di tutte le componenti” del Paese. 
Se, da un lato, mar Sako invita tutta la comunità cristiana a prendere parte in modo attivo al voto, dall’altro egli rinnova il monito di “valutare con attenzione” l’opportunità di fondare partiti o movimenti che facciano riferimento alla “unione caldea”. Essa potrebbe infatti essere elemento di “attrazione per opportunisti o ciarlatani” che nulla hanno a che vedere con la tutela del patrimonio e dei valori cristiani. “Auspico che una delle priorità di questo partito - aggiunge - possa essere quello di formare una forte alleanza con assiri, siri e armeni all’interno della Camera dei deputati”.
Questo progetto così “carico di vitalità”, precisa, dovrà trovare applicazione “senza alcuna interferenza da parte della Chiesa”. Il primate caldeo ricorda inoltre come abbia auspicato a lungo la nascita di una “lista unitaria” dei cristiani per le elezioni del 2018, perché “uniti siamo più forti”, ma questa speranza “non si è concretizzata a causa degli ordini del giorno di alcuni partiti cristiani e degli interessi personali di qualche singolo individuo”. 
Infine, mar Sako ricorda la storia millenaria dei caldei della Mesopotamia, uno dei popoli più antichi e autentici che compongono oggi l’Iraq e che molto hanno dato nel campo della cultura, della poesia, della musica, del diritto, dell’astronomia. Le persecuzioni del passato e quelle più recenti, dal genocidio assiro-armeno del 1915 alle violenze dei gruppi estremisti [fra i quali lo Stato islamico] negli ultimi anni non devono spaventare. “L’emigrazione mina la presenza storica dei cristiani in Iraq - conclude il patriarca - e indebolisce il loro ruolo in società”.

Leggi tutto!

This page is powered by Blogger. Isn't yours?