venerdì, febbraio 10, 2012

 

Iraq: il nunzio per l'esodo dei cristiani chiede al governo "sforzi congiunti"

By Radiovaticana, 9 febbraio 2012

“Sforzi congiunti per ridurre al minimo il fenomeno dell’emigrazione di famiglie da Baghdad e da Mosul”. È quanto ha chiesto il nunzio apostolico in Iraq e Giordania, mons. Giorgio Lingua, nel corso di un incontro, svoltosi lunedì scorso nella capitale irachena, con il ministro della Pianificazione, Ali Yousif al-Shukri. Secondo l’agenzia Aswat al Iraq, rilanciata dal sito Baghdadhope, il ministro ha espresso la sua preoccupazione per la condizione dei cristiani in Iraq, passati dal 5% del 1977 a meno dell’1% di oggi. Tuttavia - riporta l'agenzia Sir - al-Shukri ha tenuto a precisare che il terrorismo non è diretto solo contro i cristiani ma contro tutti gli strati della popolazione irachena. Dal canto suo il nunzio ha confermato che il Vaticano, lungi dall’essere una potenza economica, è pronto ad essere un alleato dell’Iraq. Sempre il 6 febbraio il ministro della Pianificazione ha incontrato anche l’ambasciatore italiano in Iraq, Gerardo Carante, per discutere delle relazioni bilaterali. Carante, secondo l’agenzia Aswat al Iraq, ha annunciato il prestito di mezzo miliardo di euro per sostenere le infrastrutture e lo sviluppo umano del Paese. Carante ha inoltre messo in evidenza che il 10% del prestito coinvolgerà i cristiani. Il prestito sarà rimborsato in 8 anni e destinato a programmi abitativi anche per i cristiani più poveri, alla costruzione di un porto, di un’università ad Ankawa e ai beni culturali.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?