giovedì, novembre 26, 2015

 

Stato Islamico: Sako (patriarca Baghdad) “si sconfigge con truppe di terra”

By SIR

 Un invito alla comunità internazionale ad agire in modo deciso contro l’Isis e a impegnarsi per l’instaurazione dello stato di diritto in Iraq e in Siria.
A rivolgerlo è il patriarca cattolico caldeo Louis Raphael Sako in questi giorni in Austria. Parlando all’agenzia “Kathpress”, il patriarca ha messo in guardia dall’accogliere con eccessiva ingenuità i profughi musulmani provenienti dal Medio Oriente. “Occorre vigilanza nei confronti dei terroristi e dell’insediamento di comunità parallele islamiche”, ha affermato.
Sugli attentati terroristici di Parigi, Mar Sako ha espresso il proprio sgomento ma non si è detto sorpreso, poiché “era chiaro che il terrorismo dell’Isis prima o poi avrebbe raggiunto anche l’Europa”. Nonostante ciò “l’Isis potrebbe essere facilmente sconfitto militarmente se la comunità internazionale degli Stati fosse unita. Ma ciò può avvenire solo con forze di terra. E si dovrebbero obbligare finalmente anche gli Stati arabi a far qualcosa. Chi consegna le armi all’Isis, chi compra il loro petrolio?”, si è chiesto provocatoriamente.
Ma c’è un altro fronte dove la guerra all’Isis deve essere totale, è quello dell’ideologia: “Le persone devono considerarsi sempre più cittadini di un Paese, anziché soprattutto membri di una religione o di una tribù”, ha affermato. “Per l’Islam ciò non si può ottenere senza riforme. Le autorità islamiche sono chiamate a intervenire in tal senso”.


Patriarch warnt Westen: Gegenüber Flüchtlingen nicht naiv sein

This page is powered by Blogger. Isn't yours?