martedì, ottobre 06, 2015

 

Il Ministro iracheno della giustizia: le proprietà dei cristiani verranno tutelate

By Fides
 
 Il governo iracheno adotterà un pacchetto di misure volte a tutelare le proprietà immobiliari dei cristiani che hanno lasciato il Paese, e impedire che le loro case e i loro terreni cambino illegittimamente proprietario durante la loro assenza. Ad annunciare le nuove disposizioni è stato il Ministro iracheno della giustizia, Haidar al-Zamili, con un comunicato in cui si forniscono anche alcuni dettagli sulle misure allo studio.
In particolare – si legge nel testo pervenuto all'Agenzia Fides – verrà predisposto un controllo più serrato sulle compravendite e sui passaggi di proprietà di immobili appartenenti a cristiani, per scoraggiare frodi e possibili espropri non autorizzati. In caso di vendita, le trattative dovranno essere condotte direttamente dal proprietario dell'immobile o da un delegato appartenente alla sua famiglia. Le procedure di transazione delle proprietà dovranno in ogni caso essere certificate con attestazioni emesse direttamente dal venditore e dall'acquirente.
Negli ultimi anni, soprattutto a Baghdad e nell'area di Kirkuk, molti terreni e case appartenenti ai cristiani emigrati all'estero sono stati sottratti illegalmente ai legittimi possessori attraverso la produzione di falsi documenti legali, che rendevano di fatto impossibile il loro recupero da parte dei proprietari. Il fenomeno ha potuto prendere piede anche grazie a connivenze e coperture di funzionari corrotti e disonesti, che si sono messi a servizio di singoli impostori e gruppi organizzati di truffatori.
Il furto “legalizzato” delle proprietà delle famiglie cristiane - documentato da casi e episodi riferiti in particolare dal sito ankawa.com - è un effetto collaterale dell'esodo di massa dei cristiani iracheni, seguito degli interventi militari a guida Usa per abbattere il regime di Saddam Hussein. I truffatori si appropriano di case e immobili rimasti vuoti, contando sulla facile previsione che nessuno dei proprietari tornerà a reclamarne la proprietà. Lo scorso 13 luglio, il Patriarca Louis Raphael I aveva rivolto un appello pubblico alle autorità politiche e istituzionali del Paese, chiedendo al governo maggiore protezione contro le bande di delinquenti che attentano ai beni e alle persone.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?