lunedì, agosto 31, 2015

 

La santità ignorata il dovere di tutti

Fulvio Scaglione

Ieri, a cent’anni esatti da quel 29 agosto 1915 in cui la soldataglia turca lo decapitò dopo averlo torturato a morte per poi gettarne le spoglie nel fiume Tigri, è stato proclamato beato il vescovo siro-cattolico Flaviano Michele Melki. Non molti, in Occidente, conoscono la sua storia, considerata invece esempio di santità tra i fedeli delle Chiese orientali. Nato nel 1858 a Qaalat Mara, nel sud-est della Turchia, era stato ordinato vescovo (la cerimonia si svolse a Beirut, in quel Libano che ieri l’ha visto diventare beato) di Djezireh dei Siri nel 1913. Tra i fedeli era noto anche per aver venduto i paramenti pur di aiutare i poveri. Nel 1915, di fronte all’avanzare della persecuzione, rifiutò di abbandonare la propria sede, dove subì il martirio.
Non deve stupire che una simile testimonianza di fede sia tuttora largamente sconosciuta. Intanto, il genocidio degli assiri, in cui morirono tra 250mila e 750mila cristiani, raggiunti e trucidati in vaste zone della Turchia e persino nell’odierno Iran, è stato accuratamente rimosso. Non figura nei libri di testo, è negato dalla Turchia al pari di quello a esso contemporaneo degli armeni, e per ragioni di convenienza politica è riconosciuto da pochi Stati (lo fanno Italia e Francia, Svizzera e Polonia ma non Gran Bretagna, Germania e Usa, che non accettano il termine "genocidio" nemmeno per gli armeni) ed è stato discusso dal Parlamento europeo per la prima volta nel 2007.
Una congiura del silenzio che ha reso piuttosto facile spingere nell’ombra tante stragi, ma che fa capire la forza delle parole di papa Francesco, che il 12 aprile di quest’anno, salutando i fedeli di rito armeno durante la Messa per l’anniversario del genocidio, ha detto: «La nostra umanità ha vissuto nel secolo scorso tre grandi tragedie inaudite: la prima, quella che generalmente viene considerata come "il primo genocidio del XX secolo", ha colpito il vostro popolo armeno, prima nazione cristiana, insieme ai siro-cattolici, ortodossi, assiri, caldei e ai greci». Il Novecento come secolo dei genocidi e secolo anche di genocidi cristiani: ecco un tema su cui varrebbe la pena di riflettere molto più di quanto si sia fatto finora.
Ma c’è un’altra ragione per cui la figura del vescovo Melki e la storia del suo martirio sono oggi esemplari. E questa ragione sta proprio in quel suo essere un martire a molti ignoto. È la più terribile ed efficace conferma che in un secolo non è cambiato quasi nulla per milioni di cristiani di tante parti del mondo. Possiamo dirlo di nuovo con le parole del Papa, che in un’omelia a Santa Marta ha ricordato appunto «i nostri fratelli sgozzati sulla spiaggia della Libia, quel ragazzino bruciato vivo dai compagni perché cristiano, quei migranti che in alto mare sono buttati in mare dagli altri perché cristiani. Pensiamo a quegli etìopi assassinati perché cristiani, e tanti altri che noi non sappiamo».
Nei massacri dell’intolleranza islamica come nella pulizia etnica dell’Is, nelle tragedie dell’immigrazione come nella crudeltà delle guerre civili, il martirio dei cristiani ancora oggi è anonimo, ignorato e quindi disprezzato. Come si vede, un secolo è passato invano.
È importante rendersi conto, sempre nel nome e nell’esempio di monsignor Melki, che anche oggi del martirio cristiano si parla poco non per caso o per distrazione ma per convenienza. Il silenzio è necessario per non turbare certe politiche, non disturbare certe alleanze, non alterare certi equilibri. Ricordiamo le reazioni scomposte, urlate, e quindi tanto più indicative, che accolsero in aprile le parole di papa Francesco (che riecheggiavano quelle di Giovanni Paolo II e del patriarca armeno Karekin II) sul massacro dei cristiani armeni e dei siro-cattolici come «primo genocidio del Novecento». Nel 2003 in Iraq c’era quasi un milione e mezzo di cristiani e oggi ce ne sono meno di 300 mila. L’Is è arrivato a controllare un territorio grande quasi quanto l’Italia. Nella Nigeria delle enormi ricchezze petrolifere pare ineliminabile la violenza di Boko Haram. Potremmo fare tanti altri esempi ma la domanda è sempre la stessa: davvero non sappiamo perché? Siamo sicuri che non potremmo fare di più e di meglio?
 

This page is powered by Blogger. Isn't yours?