martedì, luglio 22, 2014

 

Cristiani di Mosul nel mirino, la denuncia dei paesi islamici

By Misna

“Lo spostamento forzato dei cristiani di Mosul è un crimine intollerabile (…). Le atrocità commesse e le pratiche in atto non hanno nulla a che vedere con l’Islam, con i suoi principi di tolleranza e convivenza”: l’Organizzazione della cooperazione islamica (Oci) denuncia con forza le violenze degli insorti sunniti dello Stato islamico, che hanno preso il controllo della seconda città irachena il mese scorso.
Nel comunicato diffuso dal gruppo di 57 paesi musulmani, il segretario generale dell’organizzazione, il saudita Iyad Madani, ha dato la disponibilità dell’Oci a “fornire l’assistenza umanitaria necessaria alle persone sfollate, in attesa che possano rientrare a casa”.
Da settimane il gruppo radicale dello Stato islamico – che ha creato un califfato a cavallo tra il nord dell’Iraq e l’est della confinante Siria – ha avvertito che gli abitanti cristiani di Mosul “devono convertirsi all’Islam e pagare un tassa speciale”, nel caso contrario rischiano “la pena capitale” e “devono lasciare” il capoluogo della provincia di Ninive.
Prima dell’assalto dello Stato islamico, la comunità cristiana di Mosul era costituita da circa 3000 persone, ma in un mese almeno un terzo di loro ha abbandonato la città settentrionale.
Secondo l’ultimo bilancio diffuso dall’Onu, dall’inizio dell’offensiva dei combattenti sunniti, partita da Fallujah (ovest) lo scorso gennaio, in Iraq almeno 5576 civili sono stati uccisi, di cui 2400 nel solo mese di giugno, e altri 11.662 sono rimasti feriti.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?