lunedì, novembre 18, 2013

 

Patriarca Sako: Al governo e ai leader religiosi il compito di unire l’Iraq

By Asia News
di Joseph Mahmoud

La realtà irakena è ancora fonte di "preoccupazione" e negli ultimi mesi la situazione in tema di sicurezza è "peggiorata"; le divisioni di natura confessionale sono sempre più marcate, mentre forze "regionali e internazionali" alimentano le crescenti fratture interne al Paese. È quanto ha affermato il patriarca caldeo Mar Louis Raphael I Sako, nel discorso pronunciato ieri al Parlamento irakeno in occasione della Giornata per i diritti umani. L'intervento di Sua Beatitudine è stata occasione di incontro e confronto fra le diverse anime della nazione, per scambiare idee e progetti partendo dal tema "Le minoranze in Iraq: realtà e ambizioni".
Il Patriarca caldeo non ha mancato di sottolineare la crescita esponenziale "dell'estremismo a sfondo confessionale" che colpisce soprattutto cristiani, Yazidi e Sabi (minoranza concentrata nel sud dell'Iraq). Attacchi che hanno spinto all'emigrazione, tanto osteggiata a lungo da Mar Sako - fin dai tempi in cui era arcivescovo a Kirkuk - quanto "favorita" da alcune ambasciate straniere. "Un fenomeno - chiosa - che finisce per impoverire la nazione".Descrivendo la "realtà" attuale, il Patriarca caldeo punta il dito contro "la cultura della Maggioranza e della Minoranza" che egli bolla come "fallimentare", in quanto si riferisce a un ambito politico che comporta aspetti "di esclusione e di emarginazione". Impegnato a Roma nei prossimi giorni per l'assemblea plenaria delle Chiese orientali, Mar Sako traccia alcuni punti essenziali per la ricostruzione del Paese. Partendo, prima di tutto, dal ruolo "unico e insostituibile" delle autorità religione "nell'unire il popolo". I vari gruppi, ammonisce il Patriarca, devono "lavorare insieme per promuovere una cultura del dialogo e della pace in modo tangibile", puntando anche sul "riconoscimento reciproco".
Mar Sako guarda anche al governo, ai dipartimenti e agli uffici amministrativi che devono essere uniti e collaborare "per fornire sicurezza, protezione e libertà ai cittadini e alle varie etnie". Essi devono essere inoltre garanti di "riconciliazione e coesione sociale" fra tutte le anime. Perché la "cultura della pace", avverte il Patriarca, è anche frutto della "cura reciproca" fra persone, del "dialogo e della fiducia". Egli invita ciascuno ad assumersi "le proprie responsabilità nel costruire ponti piuttosto che muri" e adottare un "dialogo bilanciato, aperto a tutti e pronto a risolvere i problemi", perché tutte le anime dell'Iraq possano sentirsi "parte di un'unica famiglia".

Di seguito il testo del discorso pubblicato dal sito del Patriarcato Caldeo:

This page is powered by Blogger. Isn't yours?