mercoledì, maggio 02, 2012

 

Iraq: minoranze a difesa del patrimonio culturale, progetto finanziato dalla CEI

By SIR

Per la prima volta dal 2003, venti rappresentati di sei minoranze irachene, tra cui caldei e siro-ortodossi, si sono incontrati per discutere della salvaguardia del comune patrimonio culturale. E’ accaduto lo scorso 28 aprile, a Erbil, nell’ambito del progetto “Libri della Riconciliazione”, dell’ong “Un ponte per…” per la salvaguardia degli archivi delle minoranze, finanziato dall‘8x1000 della Cei, in linea con il lavoro svolto dal 2004 per la protezione del patrimonio della Biblioteca Nazionale e Archivio Storico di Baghdad. Il progetto prevede il censimento del patrimonio librario ed archivistico delle varie minoranze del paese, la formazione di archivisti, condotta dai bibliotecari di Baghdad formati in Italia, così come il restauro e la conservazione dei testi e dei documenti più a rischio. L‘incontro di Erbil, riferisce in un comunicato “Un ponte per…”, “è diventato un‘importante occasione di conoscenza tra le minoranze del paese, ponendo le basi per un reciproco riconoscimento e una lunga collaborazione per la protezione del patrimonio librario nazionale. Si tratta di un importante passo volto a ricostruire una fiducia messa a dura prova sia dalle persecuzioni di Saddam, sia dai difficili anni del dopo-guerra, caratterizzati dalle tensioni inter-confessionali che troppo spesso sono sfociate in sanguinosi attacchi ai danni di alcuni gruppi (cristiani e yazidi)”. 

This page is powered by Blogger. Isn't yours?