mercoledì, novembre 16, 2011

 

Consiglio dei Patriarchi cattolici d'Oriente

By Patriarcato Latino di Gerusalemme, 14 novembre 2011
by Christophe Lafontaine

Tutti i patriarchi cattolici orientali in esercizio sono membri del Consiglio. Il Patriarca latino di Gerusalemme, Mons. Fouad Twal, ieri è recato in Libano per la ventesima sessione del CPCO, originariamente prevista a Baghdad, Iraq.

Il futuro dei cristiani in Medio Oriente: un passo verso la libertà religiosa


Il Patriarca concluderà la sua settimana libanese a Kaslik con un altro incontro. I deputati europei, con la collaborazione dei deputati dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa, e i deputati del Libano e del Medio Oriente, con il sostegno della Commissione Episcopale della Comunità Europea (COMECE), ha organizzato un convegno dal titolo Il futuro dei cristiani in Medio Oriente: un passo verso la libertà religiosa. Il Patriarca Fouad Twal, sotto la cui giurisdizione è la diocesi di Cipro, parteciperà, naturalmente, all’incontro.

L'inaugurazione di questo evento si terrà venerdì 18 novembre 2011, alle ore 10.00, nell'anfiteatro Giovanni Paolo II, che si trova nel campus principale della USEK (Università dello Spirito Santo di Kaslik). Una prima serie di tavole rotonde affronterà la seguente questione: I cristiani e le minoranze: il prezzo della dignità umana. Sabato si avranno due sessioni importanti, seguite da una conferenza stampa.

La prima sessione è intitolata I diritti umani e la dignità umana. In essa si studierà l'integrazione dei cristiani nella sfera pubblica, attraverso la riconciliazione (con l'esempio dell'Europa) e le esperienze di buone pratiche, attraverso il tema dell’educazione, l'accesso ai servizi per l'impiego, agli alloggi sociali e ai servizi sanitari ... Sabato pomeriggio, si discuterà sul tema La piena cittadinanza per tutti in cui si discuterà sui percorsi da seguire in Medio Oriente e in Europa.

Domenica, S.B. Béchara Boutros Raï, patriarca maronita, presiederà la santa messa.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?