lunedì, settembre 19, 2011

 

All'Unione Europea le sofferenze dei cristiani iracheni

By Radiovaticana

La settimana scorsa gli arcivescovi iracheni Bashar Warda di Erbil e Amil Nona di Mosul hanno incontrato il Presidente del Consiglio Europeo, Hermann Van Rompuy.
Nel colloquio, i due presuli di rito caldeo hanno ricordato le sofferenze dei cristiani in Iraq, dicendo che nel Paese non c'è libertà religiosa e sottolineando la necessità che i fedeli ricevano aiuti per costruire scuole, frequentate al 90% da allievi musulmani. “L'istruzione aiuterebbe a sviluppare una nuova cultura e la libertà di religione, aprendo nuove prospettive per i giovani”, ha indicato l'arcivescovo Warda.
L'incontro con Van Rompuy - riferisce l'agenzia Zenit - è durato mezz'ora e si è svolto a Bruxelles nel contesto delle visite organizzate dall'associazione caritativa cattolica internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs), che sostiene i cristiani perseguitati e sofferenti.
Durante la discussione, Van Rompuy si è informato sulle condizioni di vita della popolazione irachena, sui diritti delle donne e su come l'Europa possa essere di aiuto. Nell'arcidiocesi di mons. Nona, Mosul, i cristiani e gli edifici ecclesiali sono bersaglio di attacchi ripetuti, e il predecessore del presule, l'arcivescovo Faraj Rahho, è morto nel marzo 2008 dopo essere stato rapito.
Per l'arcivescovo Warda, dal 2003 sono circa 500 i cristiani uccisi per motivi religiosi o politici. Nello stesso periodo, ha aggiunto, 66 chiese sono state attaccate, e 4.000 famiglie di cristiani iracheni sono fuggite nella sua diocesi di Erbil, nel nord curdo, per evitare violenze e intimidazioni.
I due arcivescovi hanno anche sottolineato a Van Rompuy la propria preoccupazione per la situazione dei diritti umani a causa dell'articolo 3 della Costituzione dell'Iraq, che sancisce la supremazia della legge islamica, la shari'a.
Hanno inoltre incontrato alcuni membri del Parlamento Europeo e della Commissione dell'Unione Europea e Hans-Gert Pöttering, ex Presidente dell'Europarlamento e attualmente presidente della Fondazione Konrad Adenauer. La visita, commenta Acs, “ha dimostrato la crescente preoccupazione dell'Unione Europea per i cristiani del Medio Oriente”.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?